Articoli HPStoria

Le Residenze Reali dei Savoia: alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

871
Tempo di lettura: 9 minuti

Le Residenze della Casa Reale di Savoia, patrimonio UNESCO dal 1997

Le Residenze Reali del Piemonte è un sistema di grande valore per diversi motivi.

Un polo culturale per il suo patrimonio storico ed estetico capace di attrarre turismo e dall’importante impatto economico sul territorio.

Rappresentano un unicum volute dalla famiglia sabauda per circondarsi di sfarzose maisons de plaisance nate tra Cinquecento e Seicento intorno alla città di Torino, per celebrare il ruolo e l’importanza del casato. 

Cuore, per secoli, del Regno dei Savoia, Torino è stata teatro e centro propulsore dell’Unità nazionale, oltreché prima Capitale del Regno d’Italia. 

L’affascinante architettura delle Residenze Reali hanno fatto loro guadagnare l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dale 1997.

Le origini

Logo Residenze Reali Piemonte
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Il complesso delle Residenze Reali ha origine nel 1563 quando Emanuele Filiberto, duca di Savoia, porta la capitale del ducato a Torino.

E, con l’intento di celebrare il potere del casato, avviò un progetto di riqualificazione del territorio.

Volle ristrutturare antichi castelli e erigere nuove residenze. Una visone che venne portata avanti anche dai suoi successori sfociata nell’attuale sistema di residenze.

Difatti, tra il XVII e il XVIII secolo, viene istituita la “Zona di Comando” nel centro della città di Torino, ormai facilmente raggiungibile da tutto il territorio circostante grazie al nuovo complesso stradale.

Inoltre, per celebrare il potere assoluto dei Savoia, venne creato un un sistema di maisons de plaisance, denominata la “Corona di Delizie”.

Ciò è stato possibile grazie alla trasformazione di residenze preesistenti e la costruzione di nuovi edifici.

Quest’ultimi con l’obiettivo di ospitare tutta la corte dedita ad attività sportive, in particolar modo quello della caccia.

Gran parte di queste nuove Residenze Reali furono progettate da Filippo Juvarra, architetto e scenografo di Messina.

Ma anche Amedeo e Carlo di CastellamonteGuarino Guarini e Pelagio Palagi

Gioielli architettonici ed un trionfo dello stile barocco piemontese, atto a rappresentare la grande metafora del potere e della dinastia.

Visitare le Residenze Reali significa fare un viaggio nella storia del Piemonte e dell’Italia.

In particolar modo in quegli avvenimenti che hanno portato all’Unità d’Italia. Significa fare un salto nella storia fra centri di potere, castelli dedicati alla caccia, luoghi di villeggiatura e vita di corte.

Un complesso di architettura monumentale che i Savoia, instancabili costruttori, vollero come simbolo del proprio potere assoluto. 

Il sito seriale è composto da 22 edifici, 11 situati nel centro di Torino, gli altri distribuiti secondo un impianto radiocentrico intorno alla città di Torino, in tutto il Piemonte.

La “Zona di Comando” 

Logo la Corona delle delizie delle Residenze Reali
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Quindi, grazie a Emanuele Filiberto, Torino si trasformò da città medievale a importante metropoli con forti contatti con le corti reali di tutta Europa.

Insieme alla Residenze Reali lontane dal centro, intorno a piazza Castello si sviluppava la cosiddetta “Zona di Comando” coi palazzi più importanti.

Undici edifici connessi alla corte, dove il potere accentrato veniva esercitato nelle sue forme politiche, amministrative e culturali.

Palazzo Reale

Palazzo Reale Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Palazzo Reale: è il nucleo principale della “Zona di Comando”, centro del potere e luogo di rappresentanza della magnificenza dinastica.

Fu progettato dal Castellamonte, si presenta con una splendida facciata seicentesca e gli ambienti interni riccamente decorati.

È la prima e più importante tra le Residenze Reali, collocato nel cuore della città, nella Piazzetta Reale adiacente alla centralissima Piazza Castello

Da qui partono le principali strade del centro storico: via Povia Roma, via Garibaldi e via Pietro Micca.

Palazzo Reale al suo interno ha tante e importanti mostre oltreché un bel giardino recentemente riaperto e risistemato.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazzetta Reale, 1, Torino
  • Telefono: 011 – 4361455
  • Email: mr-to@beniculturali.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Armeria Reale

Armeria Reale: collocata alle spalle di Palazzo Reale è una delle più grandi in Europa e una delle più ricche del mondo.

Racchiude una grandiosa collezione d’armi e armature antiche del mondo.

L’Armeria fa parte dei Musei Reali di Torino, che dal 2012 ha riunito ad essa il Palazzo Reale, la Galleria Sabauda con la collezione d’arte dei Savoia, il Museo Archeologico e la Biblioteca Reale.

  • Indirizzo: Piazzetta Reale, 1, Torino

Biblioteca Reale

Biblioteca Reale:  è una delle più importanti istituzioni culturali della città di Torino.

Al suo interno sono conservati l’Autoritratto ed un nucleo di disegni autografi  di Leonardo da Vinci.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo
  • Orario di Apertura
  • Telefono: 011 – 19211630
  • Email:
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Palazzo della Prefettura e Archivio di Stato

Progettati entrambi da Filippo Juvarra e realizzati sotto la direzione di Benedetto Alfieri, costituiscono uno dei primi esempi, nel mondo occidentale, di architettura nata specificatamente con funzioni amministrative e di archivio.

L’Archivio raccoglie tutti i documenti dei membri di casa Savoia, oltre ad altri documenti di famiglie e personalità illustri.

Questo importante patrimonio, custodito su circa 83 km lineari di scaffalature, rende l’Archivio una ricchissima miniera di informazioni storiche che coprono un periodo di 1300 anni.

Informazioni e contatti Archivio di Stato

  • Indirizzo: piazza Castello, 209
  • Telefono: 011 – 5624431
  • Email: as-to@beniculturali.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Facciata del Teatro Regio

Facciata Teatro Regio Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

E’ il teatro lirico della città di Torino, uno dei più grandi ed importanti d’Italia. Ma è anche uno dei teatri italiani più rilevanti nel panorama europeo ed internazionale.

Costruito dall’architetto Benedetto Alfieri, poi completamente distrutto da un incendio nel 1936, salvo per il muro di facciata, unico resto della fabbrica sabauda.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Castello 215, Torino
  • Telefono: 011 – 8815557
  • Email: info@teatroregio.torino.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Accademia Militare

Accademia Militare Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

L’edificio era parte integrante del più ampio progetto di Amedeo di Castellamonte che includeva anche la Cavallerizza Reale.

In realtà i fabbricati, a tre piani fuori terra con un loggiato verso il cortile, a sud e ad est vennero edificati da Amedeo di Castellamonte mentre quello a nord opera del”architetto Filippo Juvarra.

Dell’originaria struttura seicentesca rimangono solo alcune colonne e pochi frammenti del loggiato.

La maggior parte è andato distrutto da un incendio nel 1936 e dai bombardamenti delle Seconda Guerra Mondiale.

Informazioni e contatti

Cavallerizza Reale

Cavallerizza Reale Torino

luogo destinato agli esercizi e agli spettacoli equestri di corte, viene realizzata tra il 1740 e il 1742 da Benedetto Alfieri.

Purtroppo il complesso è stato profondamente danneggiato da un bombardamento.

L’edificio, abbandonato e occupato da alcuni collettivi, ha subito grossi danni a causa di tre incendi di origini dolose: uno nel 2014, uno nel 2016 e un altro nel 2019. 

Informazioni e contatti

Regia Zecca

Zecca Reale Torino

Regia Zecca: è l’edificio che conclude la Zona di Comando verso est.

Ristrutturato più volte, esso conserva ancora, almeno all’esterno, parte dei caratteri originali.

Informazioni e contatti

Palazzo Chiablese

Palazzo Chiablese Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Nel 1753 la residenza è data in appannaggio al duca del Chiablese e completamente riplasmata da Benedetto Alfieri.

Dal 1958 al 1985 è stato sede del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Mentre attualmente è sede del Segretariato Regionale del Piemonte.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Vicolo S. Lorenzo 1, Torino

Palazzo Madama

Palazzo Madama Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

L’edificio riassume la storia di Torino.

L’origine è la Porta romana di accesso alla città; nel Medioevo diventa una fortezza e poi, tra il Tre e il Quattrocento, un castello.

Il periodo di maggior splendore è quello della residenza delle due Madame Reali.

Quando viene realizzato l’appartamento di rappresentanza al piano nobile e viene costruito, su disegno di Filippo Juvarra, lo scalone con la scenografica facciata. È difatti un connubio di duemila anni di storia di Torino.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo:
  • Telefono: 011 – 521 788
  • Email: palazzomadama@fondazionetorinomusei.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Palazzo Carignano

Palazzo Carignano Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

costruito tra il 1679 e il 1685 per i Savoia Carignano, un ramo collaterale della dinastia regnante.

Nel 1859 è destinato ad ospitare il primo Parlamento italiano.

Il nome completo è Palazzo dei Principi di Carignano pregevole esempio di architettura barocca piemontese.

Attualmente ospita al piano terra gli appartamenti sei-settecenteschi di Mezzanotte e di Mezzogiorno, detto Appartamento dei Principi.

Mentre al piano nobile è ospitato il Museo nazionale del Risorgimento italiano, riaperto in occasione dei festeggiamenti per il 150º Anniversario dell’Unità d’Italia.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: via Accademia delle Scienze, 5,
  • Orario di Apertura

La “Corona di Delizie”

La “Corona di Delizie” è un insieme di Residenze Reali fuori dalla città di Torino.

Sono edifici dedicati alla corte per lo svago, le feste ma soprattutto lo sport preferito del tempo dai nobili: la caccia.

Sono residenze posizionate in forma circolare intorno alla capitale del ducato, Torino. Nate per evidenziare ancora una volta il ruolo centrale della città.

Castello del Valentino

Castello del Valentino Torino
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

E’ una villa fluviale opera dell’architetto Amedeo di Castellamonte commissionata da Cristina di Francia secondo il modello pavillon-système francese.

È all’interno dell’omonimo Parco del Valentino che si sviluppa lungo il fiume Po.

Attualmente è di proprietà del Politecnico di Torino e ospita la sede del Dipartimento di Architettura.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Viale Mattioli 39, Torino
  • Telefono: 011 – 0906655
  • Email: visite.castellodelvalentino@polito.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Villa della Regina

E’ una villa costruita all’inizio del Seicento nella collina torinese, quartiere Borgo Po

Eretta grazie al cardinale Maurizio di Savoia, come residenza di svago e importanti incontri culturali. Successivamente divenne la residenza estiva prima da Anna Maria d’Orleans e poi da Polissena d’Assia, regine di Sardegna, da cui il nome.

Famosa anche per le sue vigne secolari, la Villa è eretta sul sul modello delle ville barocche romane e successivamente ridefinita su progetto di Filippo Juvarra.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Strada Santa Margherita 79, Torino
  • Telefono: 011 – 8195035
  • Email: drm-pie.villadellaregina@beniculturali.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Castello di Moncalieri

Castello di Moncalieri
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

E’ tra le più antiche Residenze Reali infatti le prime tracce della sua esistenza, risalgono addirittura al Medioevo.

Successivamente ha subito molte modifiche e l’aspetto attuale risale a lavori di restauro dal XVII al XIX secolo che modificarono la struttura da fortezza a residenza nel mezzo di un grande storico parco.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Baden Baden, 4, Moncalieri
  • Telefono: 011 – 640 3058
  • Email: segreteria@lacittaelarte.it.
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Castello di Rivoli

Castello di Rivoli
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Castello di Rivoli: Situato in posizione strategica lungo la via Francigena, il castello ha antiche origini militari.

Diventa di proprietà dei Savoia per cerimonie di corte di particolare rilievo fino a divenire residenza di corte tra Cinquecento e Seicento. Oggi è sede del Museo d’Arte Contemporanea.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazzale Mafalda di Savoia, Rivoli ( Torino)
  • Telefono: 011 – 9565222
  • Email: info@castellodirivoli.org
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Castello di Venaria Reale

Castello di Venaria Reale
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Castello di Venaria Reale: è sicuramente la più grandiosa delle Residenze Reali, voluta da Carlo Emanuele II come maison de plaisance e destinata prevalentemente alla caccia di corte.

Edificata nel suo nucleo centrale da Amedeo di Castellamonte, la residenza diviene oggetto di una serie di progetti e interventi che trasformano l’originaria palazzina di caccia in una vera e propria reggia.

Nel 2017, a dieci anni di distanza dall’inaugurazione, la Guida Michelin ha assegnato alla reggia di Venaria l’agognata terza stella. Nel 2019 il giardino della Reggia diventa parco pubblico più bello d’Italia.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Principe Amedeo, 7, Stupinigi (Torino)
  • Telefono: 011 – 6200634
  • Email: biglietteria.stupinigiI@ordinemauriziano.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Palazzina di Caccia di Stupinigi: sorta nel 1729 per colere di Vittorio Amedeo II che incarica Filippo Juvarra di realizzare una residenza di caccia.

Necessaria per soddisfare le esigenze dell’attività venatoria insieme a quelle, di maggiore carica simbolica, della rappresentazione della corte.

La palazzina è situata nella località di Stupinigi, alla periferia di Torino, dal cui centro storico dista circa 10 chilometri.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Principe Amedeo, 7, Stupinigi
  • Telefono: 011 – 6200634
  • Email: segreteria@ordinemauriziano.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

luoghi di vacanza

Oltre alle Residenze Reali sopra elencate, esistono altre palazzine preesistenti, dislocate su un territorio più vasto rispetto alle precedenti.

Sono Residenze Reali adibite soprattutto alla villeggiatura estiva della dinastia regnante e del ramo cadetto dei Savoia Carignano, durante l’Ottocento.

Castello di Agliè:

Castello di Agliè
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

è un’elegante ed imponente costruzione situata nel comune omonimo. Anche questo è un edificio molto antico, difatti nasce come struttura difensiva medievale.

Nel XVII secolo, quindi, per volontà del conte Filippo di San Martino, prende l’aspetto di una maestosa residenza per opera di Amedeo di Castellamonte.

Restaurato di recente per poter garantire la visita da parte dei turisti.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Castello 2, Agliè (Torino)

Borgo Castello de La Mandria

Borgo Castello de La Mandria

l’insediamento della Mandria nasce nel 1708, quando Michelangelo Garove, per volontà di Vittorio Amedeo II, realizza una struttura destinata all’allevamento e alla riproduzione dei cavalli di razza di servizio alla vicina Reggia di Venaria Reale.

A metà dell’Ottocento, poi, il primo re d’Italia Vittorio Emanuele II ne fece la sua Residenza Reale per la vicinanza a Torino.

Ma soprattutto per viverci con la sua amante prima, e moglie morganatica poi, Rosa Vercellana, lontano dagli occhi indiscreti della corte.

Inoltre il re si poteva dedicare alla caccia infatti fece recintare il parco e vi inserì diverse razze animali.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza della Repubblica 4 , Venaria (Torino)
  • Telefono: 011 – 4992333
  • Email: prenotazioni@lavenariareale.it.
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Castello di Racconigi

anche questa struttura è di origine antiche, fondato intorno all’XI secolo come casaforte nella Marca di Torino.

Nel corso del tempo subisce diverse ristrutturazioni fino a diventare proprietà dei Savoia nel seconda metà del XIV secolo.

All’inizio del Seicento diventa Residenza Reale dei Savoia Carignano, che affidano la trasformazione dell’edificio a Guarino Guarini.

Successivamente diventa sede delle “Reali Villeggiature” della famiglia reale nei mesi estivi e autunnali.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Via Francesco Morosini 3, Racconigi (Cuneo)
  • Telefono: 0172 – 84005
  • Email: drm-pie@beniculturali.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Castello e Agenzia di Pollenzo

Castello di Agliè

Sorge come struttura fortificata in età medievale.

Successivamente diventa una struttura ad uso residenziale e aggiornata ai gusti dell’epoca.

La proprietà passa ai Savoia solo nel Settecento.

È un complesso composto da castello, piazza, chiesa di San Vittore, torre e cascina.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Vittorio Emanuele II 8, Pollenzo ( Cuneo)
  • Telefono: 0172 – 422180
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Castello di Govone

Castello Govone
Le Residenze Reali dei Savoia alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Anche questo castello ha origini medievali.

Successivamente,però, viene ricostruito nelle attuali forme barocche a partire dal 1697 per volontà dei conti Solaro.

Alla fine del XVIII secolo la proprietà passa ai Savoia e fu una delle Residenze Reali della casa dei Savoia dal 1792 al 1870.

Infatti, successivamente, diventa la residenza estiva preferita del re di Sardegna, Carlo Felice, e di sua moglie. È oggi adibito a palazzo comunale.

Informazioni e contatti

  • Indirizzo: Piazza Roma 1, Govone (Cuneo)
  • Telefono: 371 – 4918587
  • Email: info@castellorealedigovone.it
  • Per ulteriori informazioni consulta il sito web

Esiste anche un percorso cicloturistico , la Corona di Delizie in bicicletta, che collega le Residenze Sabaude in bicicletta.

Il percorso è costituito da un anello di oltre 90 Km con 7 varianti storiche, attraverso percorsi protetti e misti.

Insomma, quello delle Residenze Reali è un circuito culturale, storico, architettonico e ambientale unico, fruibile e visitabile, che ha un valore universale eccezionale e che merita la tutela a beneficio di tutta l’umanità.

871

Related Articles

871
Back to top button
Close
Close