Cronaca di Torino

Una nuova linea metro a Torino?

800
Tempo di lettura: 2 minuti

Un giorno, nessuno può dire con certezza quando, Torino avrà due linee di metropolitana che si incroceranno nelle viscere della città. Se la linea 1 funziona ormai a pieno regime, il prolungamento Lingotto-Bengasi è già stato approvato e la tratta Rivoli-Cascine Vica è in attesa di finanziamento il mistero avvolge buona parte del progetto per la linea 2.

L’unica certezza per il momento è data dal percorso. La futura linea 2 collegherà il quartiere Mirafiori a Barriera di Milano, sulla falsariga dell’attuale linea 4. Un tracciato di14,8 chilometriche dovrebbe partire dal cimitero parco e terminare a Rebaudengo, distanza colmabile in appena 15 minuti, in pratica la fantascienza.

Ventisei le stazioni, due i lotti di costruzione per un totale di oltre 1 miliardo  euro. Il primo lotto avrà come punto di partenza la stazione del passante ferroviario Rebaudengo.

Da qui i treni Val si inserirebbero nel vecchio trincerone ferroviario tra i corsi Gottardo e Sempione servendo l’ospedale San Giovanni Bosco e poi via verso il centro attraverso l’ex Manifattura Tabacchi, il cimitero monumentale, corso Regio Parco, il nuovo polo universitario di giurisprudenza e piazza Castello.

Una nuova linea metro a Torino?

Proprio qui – è notizia di questi giorni – potrebbe cambiare il percorso. Non più sotto via Pietro Micca ma sotto via Roma ed il parcheggio esistente. A Porta Nuova la linea 2 incrocerebbe  la 1 dove già è stata realizzata una predisposizione per il collegamento.

Passando poi sotto i binari di Porta Nuova raggiungerebbe l’area di corso Stati Uniti per immettersi in corso Duca degli Abruzzi con il Politecnico, arrivare a largo Orbassano. Nell’ultimo tratto, prima del cimitero Parco e in prossimità della Fiat, la metropolitana dovrebbe imitare quella della Grande Mela con una sopraelevazione lungo corso Orbassano.

Un progetto a fortissimo interesse strategico perché la linea 2 faciliterebbe gli spostamenti lungo l’asse nordest-sudovest, accorciando i tempi, toccando quartieri poco serviti dai mezzi pubblici e alleggerendo la pressione del traffico.

Una seconda certezza riguarda i tempi.

Una nuova linea metro a Torino?
Una nuova linea metro a Torino?

Dieci, forse quindici gli anni necessari per costruire la linea2 ameno che sul percorso non si incontrino ostacoli.

Se si iniziasse oggi si potrebbe viaggiare lungo la seconda linea nel 2021 o nel 2026. Il sindaco Fassino e i suoi assessori stanno già valutando tutte le vie per forzare i tempi e aprire i primi cantieri entro cinque anni ma molto dipenderà dall’opera di “moral suasion” che il primo cittadino ha già avviato con il ministro Matteoli.

La Redazione di Mole24

800

Related Articles

800
Back to top button
Close
Close