Mole24 Logo Mole24
Home » Cronaca di Torino » I locali del Valentino sono ancora chiusi: i bandi sono del 2020

I locali del Valentino sono ancora chiusi: i bandi sono del 2020

Da Alessandro Maldera

Agosto 06, 2022

Discoteca Cacao Torino di giorno

Sono un paio d’anni, dal 2020 che si sono svolti i bandi e le assegnazioni degli spazi, ma di locali per ora, ancora niente al Parco del Valentino. Nella migliore delle ipotesi i primi apriranno con l’arrivo dell’autunno. Ma ci vorrà almeno ancora un anno per vederlo tornare al suo lontano splendore mondano.

Il parco del Valentino di Torino continua ad essere orfano dei locali che per decenni hanno caratterizzato la “movida torinese”. Punti di riferimento per le generazioni di Torino che, non senza rimpianti ,sono improvvisamente scomparsi dalle cartine, ma non dai ricordi dei torinesi.

Richiami Prodotti Italia App
Degrado esterno locale La Rotonda Torino

La situazione delle prossime aperture dei locali al parco del Valentino

Ecco nel dettaglio qual è la situazione dei principali locali del parco Valentino e le tempistiche di come si possa evolvere la situazione

  • Chalet: i lavori per l’apertura del ex discoteca, collocata all’inizio dell’area pedonale subito dopo l’Arco del Trionfo, sono in ritardo di almeno 5 mesi. Il nuovo spazio che unirà musica e cibo ha registrato un ritardo a causa della bonifica, non preventivata dei resti della precedente struttura. Lavori che si sono protratti anche a causa dell’Eurovision, periodo in cui, visto i molti eventi che si sono svolti nel parco, è stato necessario bloccare i lavori. Nella migliore delle ipotesi potrebbe essere il primo locale a riaprire al parco Valentino per la fine di ottobre 2022
  • Fluido: ad oggi sembra non esserci nessun cantiere per il famoso locale all’inizio del parco del Valentino. L’intenzione della nuova proprietà era quella di realizzare un nuovo cocktail bar già la scorsa estate, quella del 2021. Ma, ad oggi, sembra è ancora tutto fermo.
  • La Rotonda: il locale, di fronte a Torino Esposizioni, è ancora chiuso. Alla base della mancata apertura vi sono ragioni di natura burocratica. L’assegnatario del bando è stato, infatti, escluso per irregolarità, ma ha fatto ricorso al Tar. Motivo per cui il secondo classificato nell’aggiudicazione del concorso pubblico è bloccato e non può avviare il proprio progetto. Solo una volta che la magistratura avrà messo la parola fine alla situazione i lavori potranno iniziare
  • Cacao: la situazione è talmente delicata da un punto di vista giudiziario e politico che l’area preferita dai torinesi in cui trascorrere le notti d’estate, non è entrata neanche nel bando del Comune. Ormai sono 5 anni che la situazione è in fase di stallo e purtroppo sembra non esserci spiragli positivi a breve.
  • Imbarco Perosino: lo storico locale sul fiume Po è chiuso a causa dello sfratto emanato nei confronti dei proprietari. Il nuovo bando è stato vinto dalla società Break 2017, ma per ora non si sa quando riaprirà e in quale forma.

Aggiornato il 29/01/2024

Alessandro Maldera Avatar

Alessandro Maldera

Giornalista, ha collaborato per molti anni con testate giornalistiche nazional e locali. Dal 2014 è il fondatore di mole24. Inoltre è docente di corsi di comunicazione web & marketing per enti e aziende