Articoli HPTerritorio

Metropolitana di Torino: dopo 20 anni è completata

29909
Tempo di lettura: 2 minuti

Mercoledì mattina il metrò completerà un giro celebrativo tra le nuove stazioni di Italia ’61 e Bengasi in vista dell’apertura al pubblico

Dopo due decenni di continui ritardi e problemi possiamo dire finalmente che la metropolitana di Torino arriva al capolinea.

Con la conclusione dei lavori e l’installazione della ferrovia, i metrò sono ora in grado di raggiungere le nuove stazioni di Italia ’61 e Bengasi, tuttavia per l’apertura al pubblico bisognerà ancora aspettare un pò.

L’inaugurazione è infatti prevista per aprile ma da adesso fino a quel momento verranno effettuati continui test di transito per verificare la sicurezza del tratto.

Nelle giornata di mercoledì, il presidente della Regione Alberto Cirio e la Sindaca Chiara Appendino saranno i primi, insieme agli assessori ai Trasporti Marco Gabusi e Maria Lapietra, a percorre il nuovo tunnel e a vedere le stazioni.

Per le quali, tra vari rallentamenti, pagamenti in ritardo e riassegnazioni dei cantieri, ci sono voluti dieci anni di lavori.

L’ultimo nastro l’aveva appunto tagliato il Sindaco Chiamparino nel lontano 2011, quando a presenziare l’apertura del nuovo tratto Porta Nuova – Lingotto c’era anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

La prima cittadina Appendino è quindi la quarta sindaca dei lavori della metropolitana e l’unica che potrà avere la soddisfazione di passare alla storia come la sindaca che ha completato il capolinea della metropolitana di Torino.

lavori metropolitana piazza Bengasi Torino

I lavori di costruzione erano iniziati nel 2000 sotto l’amministrazione Castellani

Alla quale è poi seguita quella di Chiamparino che ha ultimato il primo tratto della metro in vista delle Olimpiadi, portandola poi fino al Lingotto nel 2011.

Il mandato di Piero Fassino invece non è stato tra i più fortunati: le proteste dei commercianti di Via Nizza contro i lavori crearono solo problemi e ritardarono continuamene il prolungamento fino a Bengasi.

Intanto sono già partiti i lavori per l’altro vertice della metropolitana in direzione Rivoli, con i cantieri a Collegno per arrivare a Cascine Vica.

Prosegue invece la progettazione della linea 2 che attraverserà Torino collegando Barriera di Milano con Mirafiori.

Dal 15 di febbraio fino al 26 marzo cambia l’orario della metropolitana di Torino

Il temporaneo orario di chiusura sarà alle 22 e da quell’ora fino alla riapertura avranno luogo gli ultimi collaudi degli impianti nelle stazioni insieme all’istallazione della segnaletica.

Si tratta di una scelta necessaria che interesserà tutti i giorni della settimana.

Mentre con la fine della Pandemia si valuterà anche la possibilità di un nuovo orario della metropolitana.

Con la nuova stazione della metro, piazza Bengasi diventerà un importante snodo del traffico cittadino, grazie anche al progetto di un parcheggio di interscambio.

Dall’altra parte invece, Italia ’61 garantirà une fermata metropolitana per raggiungere facilmente la nuova sede del Palazzo della Regione e la futura Città della Salute.

La costruzione del capolinea ha previsto anche la costruzione di un tunnel terminale nel retrostazione oltre Bengasi che garantisce il cambio di marcia dei treni.

Un miglioramento del sistema che ne potenzia decisamente l’efficienza.

Il capolinea è stato di fatto progettato tenendo in considerazione un prolungamento verso Moncalieri e Nichelino

E con l’inaugurazione del nuovo tratto si prevede il passaggio di un treno ogni 69 secondi.

Previsione che d’altronde verrà poi aggiornata con la futura costruzione del tunnel verso Cascine Vica.

29909

Related Articles

29909
Back to top button
Close
Close