Storia

Sacra di San Michele, il monumento simbolo del Piemonte

85344
Tempo di lettura: 4 minuti

La Sacra di San Michele è una delle più eminenti architetture religiose del territorio alpino tra Italia e Francia.

Sulla vetta del monte Pirchiriano, a mille metri di altezza, la magica Sacra di San Michele domina la Val di Susa.

La data di costruzione dell’edificio è incerta.

Probabilmente è stata eretta tra il 983 e il 987, anche se altre fonti più recenti sostengono che l’abbazia sia stata edificata tra il 996 e il 1003.

Sorta come abbazia benedettina, è uno dei più antichi luoghi di culto dedicati all’Arcangelo Michele. Fu il vescovo Annuncone che costruì per primo un tempietto dedicato a San Michele, l’arcangelo capo dell’esercito degli angeli e protettore dei cristiani.

Secondo la leggenda fu lo stesso San Michele a chiedere al vescovo l’edificazione della Chiesa

Sacra di San Michele sotto la neve
Sacra di San Michele, il monumento simbolo del Piemonte

Il mito narra che in quei giorni tutta la legna raccolta dai cittadini improvvisamente scomparve, per poi ricomparire proprio sopra il monte Pirchiriano come chiaro invito alla costruzione dell’abbazia.

Dopo seicento anni di dedizione benedettina, la Sacra rimase in stato di abbandono per oltre due secoli.

Solo nel 1836 Carlo Alberto di Savoia, desideroso di far risplendere il luogo sacro, decise di collocarvi stabilmente una congregazione religiosa.

Da allora i Padri Rosminiani sono gli amministratori della Sacra ed operano insieme a un gruppo di volontari e ascritti.

Infatti, è stata quasi interamente ricostruita tra il 1800 e il 1900.

Il complesso architettonico comprende

  • l’Abbazia
  • la Foresteria
  • il Monastero Nuovo
  • la Nuova Chiesa
  • la torre della Bell’Alda.

La Foresteria è stata costruita verso la fine dell‘XI secolo per accogliere i pellegrini che arrivavano sul monte.

I monaci della Sacra di San Michele, come da tradizione, erano molto ospitali. E qui accogflievano i migliaia di pellegerini che ogni anno giungevano in pellegrinaggio in cerca di ristoro.

Sia quelli diretti a Roma, sia quelli diretta a Santiago di Compostela, le principali vie battute dai fedeli del medioevo.

Non è rimasto molto della Foresteria medievale.

Il Monastero Nuovo è stato costruito tra il XII e il XIV secolo.

Si trova sul lato nord della Sacra.

Questo edificio era destinato alla vita dei monaci.

Al suo interno c’erano le celle, la biblioteca, la cucina, il refettorio e le officine. Oggigiorno possiamo ammirare solo le rovine del Monastero. Si tratta di pietre, mura e archi tipicamente medievali. 

All’interno della Chiesa principale della Sacra sono sepolti membri della famiglia reale di Casa Savoia.

La Nuova Chiesa è stata costruita tra il 1148 e il 1170

Interno dell'abbazia della Sacra di San Michele

È un santuario in stile architettonico gotico-romanico.

Attualmente è la chiesa che accoglie i visitatori e i pellegrini.

Una volta giunti al piano d’ingresso si sale verso la Chiesa tramite un ampio e ripido scalone.

Qui in passato si trovavano gli scheletri di alcuni monaci, da cui il nome di Scalone dei Morti.

Arrivati alla sommità dello Scalone ci si trova davanti il Portale dello Zodiaco, opera romanica scolpita dal Maestro Nicolao con bassorilievi ispirati ai segni zodiacali e alle costellazioni.

La torre della Bell’Alda

Sacra di San Michele toree della bella Alda

E’ il luogo più isolato del Monastero Nuovo.

Il nome della torre è legato al mito popolare della Bella Alda, appunto.

La leggenda narra che Alda, una bella ragazza della zona, per sfuggire a dei soldati di ventura, di gettò dalla torre, ma rimase illesa.

Successivamente la ragazza, per vanità e per soldi, tentò di buttarsi nuovamente dalla torre, ma stavolta morì sulle rocce su cui è arroccata la Sacra.

La Sacra di San Michele è avvolta da un alone di mistero e di magia.

Stiamo parlando della linea magica di San Michele, una linea energetica che unisce tre abbazie dedicate all’Arcangelo Michele.

Si trova esattamente al centro di un percorso spirituale di oltre duemila chilometri che parte da Mont Saint-Michel in Francia e arriva a Monte Sant’Angelo in Puglia.

Secondo gli esperti di magia bianca, il punto energetico sarebbe situato su una piccola piastrella del pavimento.

Nella Sacra di San Michele, questo punto è stato individuato sulla sinistra della Chiesa, subito dopo l’entrata. In questo punto si percepirebbe la potente energia della linea di San Michele.

La Sacra può essere raggiunta attraverso quattro percorsi.

Sacra San Michele Piemonte
Sacra di San Michele, il monumento simbolo del Piemonte
  • Da Sant’Ambrogio di Torino

Dislivello: 600 metri
Tempi di percorrenza: circa h 1.30
Difficoltà: facile
Periodo consigliato: dalla primavera all’autunno

  • Da Chiusa San Michele

Dislivello: 600 metri
Tempi di percorrenza: circa h 1.40
Difficoltà: facile
Periodo consigliato: dalla primavera all’autunno

  • Da Frazione Mortera (sopra Avigliana)

Dislivello: 300 metri
Tempi di percorrenza: circa h 1.30
Difficoltà: facile
Periodo consigliato:dalla primavera all’autunno

Ogni anno il 24 dicembre una fiaccolata parte dalla frazione Mortera alle ore 21.30 e, attraverso il Sentiero dei Principi, giunge alla Sacra di San Michele per la Santa Messa natalizia.

  • Da Oulx

Nella sua totalità il percorso è lungo oltre 60 chilometri e attraversa il Parco del Gran Bosco di Salbertrand e quello dell’Orsiera Rocciavrè.
Il sentiero si divide in 3 tappe percorribili in 3 giorni.

È possibile anche scegliere il percorso per sportivi con dislivello di 600 mt.

Inoltre, dalla Sacra ha inizio il sentiero dei Franchi

Famoso e storico percorso escursionistico che collega l’Abbazia con l’alta valle.

Per la Sacra passava anche la celebre via di pellegrinaggio Franchigena

Esterno Chiesa Nuova Sacra di San Michele

Contatti e informazioni

Indirizzo:

Sant’Ambrogio di Torino, Chiusa di San Michele

Come arrivare:

  • In auto e pullman fino quasi sulla sommità del monte, oppure
  • In treno fino ad Avigliana, per poi proseguire con la navetta
  • In mountain-bike oppure a piedi attraverso sentieri escursionistici.

Accesso alla struttura:

La Sacra,  incoronata come uno dei luoghi mistici più suggestivi d’Europa, offre al pubblico visite speciali ed eventi tutti i mesi dell’anno e molti luoghi di interesse sono accessibili anche ai disabili.

Orario:

Dal 16 ottobre al 15 marzo

  • Da martedì a sabato, dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 17.
  • La domenica dalle 9:30 alle 12 e dalle 14:30 alle 17:30.
  • Lo stesso orario è valido per i giorni festivi.

Dal 15 marzo al 16 ottobre

  • Da martedì a sabato, dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18.
  • La domenica dalle 9:30 alle 12 e dalle 14:30 alle 18:30.
  • Lo stesso orario è valido per i giorni festivi.

Il primo sabato del mese è possibile inoltre visitare il Museo del Quotidiano, che raccoglie antichi oggetti d’uso, la Biblioteca che detiene circa 10.000 volumi, le sale di Casa Savoia e molti altri scorci da scoprire accompagnati dai volontari dell’A.Vo.Sacra.

Costo e tipologia del biglietto:

  • Il costo intero del biglietto è di 8 euro.
  • Il ticket ridotto, valido per coloro che hanno un’età compresa tra i 6 e u 14 anni egli over 65, ha un costo di 4 euro.
  • L’ingresso è gratuito per i minori di 6 anni.
  • Inoltre, ogni domenica pomeriggio e nei pomeriggi dei giorni festivi, sono disponibili delle visite guidate, il cui costo è incluso nel biglietto d’ingresso.

Punti di interesse:

  • Statua di San Michele Arcangelo
  • Scalone dei Morti
  • Portale dello Zodiaco
  • Torre della Bell’Alda
  • Museo del quotidiano (solo il primo sabato del mese)
  • Antiche sale di Casa Savoia (solo il primo sabato del mese)

Telefono: 011 – 939130

Email: info@sacradisanmichele.com

Per maggiori informazioni consultate il sito web

Tag
85344

Related Articles

85344
Back to top button
Close
Close