AmbienteArticoli HP

Ambiente, in Piemonte un clima desertico: mai così secco dal 1802

608
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’inverno appena trascorso sarà ricordato come uno dei più aridi della storia del Piemonte, caratterizzato da un clima desertico.

La situazione piemontese è apparsa grave agli occhi degli esperti, con le piogge che sono mancate per oltre cento giorni a partire dallo scorso novembre.

Gli esperti di ARPA Piemonte, inoltre, hanno per settimane temuto una possibile siccità estrema.

Il Fiume Po ha sofferto la carenza di precipitazioni, con una portata d’acqua diminuita di quasi il 50% in alcuni tratti nel torinese.

Un clima desertico in Piemonte che mancava da oltre due secoli: i dettagli

Il meteo di Torino è lo specchio della Regione intera: poche precipitazioni e insufficienti a dare respiro ai corsi d’acqua piemontesi.

Infatti nel capoluogo di regione sono caduti, da dicembre ad oggi, appena 94mm di pioggia. Negli anni precedenti il dato era superiore di circa 80 volte.

Un primo semestre così avaro di piogge non si vedeva da oltre due secoli, per l’esattezza dal 1802.

Calcolando l’anno intero invece in 8 occasioni si sono registrate siccità più estese, l’ultima quella che si è abbattuta sul Piemonte tra il 1989 e il 1990, dove sei primi sei mesi dell’anno caddero poco meno di 38mm di acqua, con la primavera che però rialzo il numero di precipitazioni.

Le temperature sono in aumento: a marzo e aprile più alte di mezzo grado rispetto alla media, mentre a maggio il picco è stato 34 gradi.

A Torino non si contavano certi picchi dal 1753.

608

Related Articles

608
Back to top button
Close
Close