Articoli HPTerritorio

Politecnico di Torino, iscrizioni ad architettura in netta crescita rispetto allo scorso anno

433
Tempo di lettura: < 1 minuto

Malgrado i tempi incerti legati al Covid, il Politecnico di Torino continua a veder crescere le iscrizioni ad architettura per il prossimo anno accademico.

Un dato importante, ma che non stupisce, anzi, conferma il trend dello scorso anno, dove le immatricolazioni salirono malgrado la pandemia.

L’ateneo torinese è stato il primo in Italia a dare il via alle selezioni per l’accesso al corso di laurea di architettura, con risultati eccellenti.

Numeri motivati dalle sempre più numerose collaborazione del PoliTo: le più recenti sono con Ferrari, Lavazza e istituzioni per la creazione di un polo di ricerca sull’idrogeno. Collaborazioni che raccontano la grande qualità dell’ateneo.

Crescono le Iscrizioni per il corso di laurea in architettura al politecnico di Torino: i dettagli

I dati forniti dal Politecnico di Torino fanno ben sperare: più 22.7% rispetto a dodici mesi fa.

La data dei test è stata anticipata al 27 luglio, prima data utile messa a disposizione dal Ministero dell’Università e della Ricerca.

I numeri raccontano di una richiesta doppia rispetta all’offerta di posti disponibili: per il 2021/22 il Politecnico ha messo a disposizione 500 posti per il corso di laurea in architettura, mentre le iscrizioni al test hanno toccato le 1093 unità, di cui 388 per il test in lingua inglese. Lo scorso anno erano giunte 891 richieste e 216 per il test in lingua straniera.

Aumentano anche gli studenti stranieri, con una crescita di ben il 44%. Gli studenti iscritti fuori dall’Italia sono incentivati percorsi di laurea, sia triennale che magistrale, erogati completamente in lingua inglese. Turchia, Iran e Cina sono le nazioni che hanno mosso più richieste fuori dai confini nazionali.

Per il secondo anno consecutivo il PoliTo ha gestito e svolto il test di ingresso in modalità da remoto, per rispetto alle norme sul Covid.

Per lo svolgimento delle lezioni tuttavia non c’è ancora unità di intenti all’interno del senato accademico, e la decisione sarà presa nelle prossime settimane.

433

Related Articles

433
Back to top button
Close
Close