Articoli HPInnovazione

Partnership Politecnico-Ferrari, salto di qualità nel futuro dell’innovazione

1912
Tempo di lettura: 2 minuti

Una nuova partnership sta per nascere tra il Politecnico di Torino e la Ferrari Spa di Maranello.

Questo consentirà alle città di Torino e Maranello di essere molto più vicine, non geograficamente ma lavorativamente parlando.

Già da tempo esiste una collaborazione tra Politecnico e Ferrari nell’ambito delle risorse umane.

Visto che la casa di Maranello può vantare la “prima scelta” dei profili più promettenti tra i neolaureati che escono dal Politecnico.

In questo caso l’Ateneo e il costruttore del cavallino rampante, collaboreranno nell’ambito delle attività di ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione.

In particolar modo si concentreranno sul settore dell’automotive e delle attività di didattica e formazione.

Questa nuova partnership rappresenta un salto di qualità e grande cambiamento soprattutto per la Ferrari.

Poiché il cavallino di Maranello ha intenzione di intraprendere la strada dell’elettrifico.

Presentando, così, un nuovo modello di auto completamente elettrico, atteso nel 2025.

Con la nuova partnership dovrebbero rientrare anche le attività di “Cars Polito”.

Cioè un centro interdipartimentale dell’Ateneo basato sulle tecnologie applicate all’automotive e ai sistemi di trasporto intelligenti.

Partnership Politecnico-Ferrari, salto di qualità nel futuro dell’innovazione

Made in 4, nuovo progetto

Inoltre il Politecnico, in collaborazione con StMicroelectronics, Fca Italy, Comau e Cnr Istituto per la microelettronica e microsistemi, presenterà un nuovo progetto.

Made in 4, così si chiama il progetto sostenibile finanziato dal ministero dello Sviluppo economico.

L’obiettivo è quello di migliore la produttività manifatturiera attraverso tecniche e strumenti innovativi che consentono di garantire precisione nella realizzazione del prodotto.

L’accordo prevede un investimento di oltre 18 milioni di euro.

Di questo il Mise ne mette a disposizione 5,6 milioni di finanziamenti agevolati mentre dai finanziamenti europei ne arrivano altri 4.

Il Politecnico conferma la sua centralità nella tutela del legame territorio-automotive.

Inoltre è considerato il luogo ideale per progettare sistemi di mobilità per il futuro grazie al mix tra formazione, ricerca, sviluppo e supporto all’innovazione.

Questa posizione sarà sottolineata anche dalla sindaca Chiara Appendino, dal rettore del Politecnico Guido Saracco e rappresentanti dell’automotive, durante il consiglio comunale sul futuro dell’auto.

1912

Related Articles

1912
Back to top button
Close
Close