Articoli HPStoriaTerritorio

L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

593
Tempo di lettura: 5 minuti

Lo Juventus Stadium, ufficialmente Allianz Stadium, è lo stadio della Juventus, club calcistico della città di Torino. Sorto sulle ceneri dello Stadio delle Alpi, lo Juventus Stadium è il primo e unico stadio della Serie A di proprietà del proprio club.

La realizzazione dello stadio è durata 3 anni, compresi i 6 mesi per demolire il vecchio Stadio delle Alpi. Grazie a un’attenta strategia di progettazione, l’impianto di Torino è il primo stadio eco-compatibile del mondo. Infatti tutto il materiale frutto della demolizione del vecchio impianto è stato riciclato totalmente e riutilizzato nel nuovo cantiere.
Inoltre, è il primo stadio italiano privo di barriere architettoniche, in cui le panchine sono posizionate nelle prime file dalla tribuna.

Si trova in Corso Gaetano Scirea, nei quartieri Vallette e Lucento, a nord ovest della città, ed è stato costruito nel 2011 dove sorgeva il vecchio Stadio Delle Alpi, demolito per l’occasione.

sadoi della juve
L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

Un impianto moderno e innovativo

Nel settembre 2011 la cerimonia di inaugurazione dell’Allianz Stadium a Torino segna l’inizio di una nuova era per gli stadi calcistici d’Italia. In questa occasione Del Piero, emblema della juventinità, disse:

La Juve è sempre stata un meraviglioso dipinto, e un meraviglioso dipinto ha bisogno di una cornice meravigliosa come questa.”

E difatti l’Allianz Stadium a Torino è uno stadio ricco di significati, un progetto non solo architettonico ma anche sportivo che ha segnato l’inizio di un nuovo corso. Uno stadio che è servito a tranciare il filo con il passato recente, non proprio gradevole sia per la società bianconera, sia per il calcio italiano in generale.

È un’opera che rispecchia fedelmente lo stile Juventus. Elegante, ma con sobrietà, senza voler dare nell’occhio. Costruito in maniera funzionale senza troppi fronzoli. Per la squadra, vincere. Per lo stadio far godere al meglio la partita ai propri tifosi. E bisogna riconoscere che la cosa riesce piuttosto bene, essendo in grado di regalare un’ottima visione sul campo da ogni angolo degli spalti.

Un impianto costruito sul modello inglese, con una capienza non esorbitante (41.507 spettatori), ma compatto e caldo. Moderno e innovativo prendendo ispirazione da altri stadi costruiti di recente come l’Allianz Arena di Monaco.

stadio juve
L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

Storia

L’Allianz Stadium Torino o Juventus Stadium è nato nel 2011, ma la dirigenza bianconera già nel 1994 aveva in mente di costruire uno stadio di proprietà.

Ai tempi, il club condivideva lo Stadio Delle Alpi, di proprietà del comune, con i rivali del Torino. L’impianto presentava però una serie di mancanze e rivelava una serie di problemi, tanto che la Juventus non si è mai sentita veramente a casa a giocare le partite in questo stadio.

Per questo, il 18 marzo 2008 il CDA della Juventus approvò la costruzione di uno stadio di proprietà, da utilizzare al posto del Delle Alpi. I costi dei lavori hanno raggiunto i 155 milioni di euro, e il progetto è stato coordinato dagli architetti Hernando Suarez e Gino Zanavella, assieme agli ingegneri Francesco Ossola e Massimo Majowiecki.

I lavori iniziarono con la demolizione del Delle Alpi, che avvenne in soli 8 mesi. La costruzione dello Juventus Stadium iniziò quindi il 30 giugno 2009, e finì ad agosto 2001. La partita di inaugurazione fu l’amichevole Juventus-Notts County, giocata l’8 settembre 2011, il giorno del 150° anniversario dell’unità d’Italia, e terminata 1-1. La scelta dell’avversario non fu casuale: il Notts County è la squadra di calcio più antica del mondo, e la Juventus trae proprio da essa i suoi colori bianconeri.

juventus stadium
L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

L’impianto

L’ingresso all’impianto avviene da quattro ingressi posti sugli angoli, con ampie rampe che portano a un anello che circoscrive lo stadio. Qui possono essere controllati i titoli d’ingresso e possono sostare i mezzi di servizio e di soccorso.

Le panchine sono posizionate in prima fila all’interno della tribuna, come è solito negli stadi inglesi. Alle gradinate e alle tribune, che sono poste a 7,5 metri di distanza dal terreno di gioco, si accede da 16 passerelle distribuite nei diversi settori dell’impianto.

In caso di emergenza, l’evacuazione dell’impianto può essere conclusa in meno di quattro minuti.

Le sue caratteristiche principali sono infatti:

  • massima visibilità e vicinanza al campo di gioco;
  • altissimi standard tecnologici e di sicurezza: i percorsi sono ampi e privi di strettoie o imbuti, l’accesso alle gradinate è regolato da ponti sospesi anch’essi molto spaziosi;
  • servizi esclusivi dedicati alle famiglie, ai tifosi e al mondo corporate.
mappa stadio juventus
L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

I settori dello stadio sono 4, tutti suddivisi in primo e secondo anello:

  • Tribuna Nord: comprende al suo interno un settore dedicato alla tifoseria ospite;
  • Tribuna Sud: accoglie gli ultrà della Juventus;
  • Tribuna Ovest: suddivisa in tribuna ovest laterale e in un settore chiamato tribuna ovest 2°. Buona parte della tribuna ovest è riservata allo Juventus Premium Club, un programma di membership esclusivo che prevede ingresso in area hospitality e una serie di attenzioni speciali;
  • Tribuna Est: suddivisa in tribuna est centrale e laterale. Qui si trova anche la tribuna Family, dedicata alle famiglie con bambini;

L’ Allianz Stadium di Torino è, dunque, un impianto che segna l’inizio di un nuovo modo di intendere lo stadio, con la possibilità di fruire dei suoi servizi non soltanto nel giorno di gara, ma 7 giorni su 7. Un modo di viverlo finora inedito in Italia.

museo della juve
L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

Il museo dello stadio e l’hotel

Lo stadio ospita al suo interno il J-Museum, il museo ufficiale della Juventus.

E’ possibile acquistarne i biglietti direttamente online, sul sito Ticketone, oppure in loco. Gli orari di apertura del museo vanno dalle 10:00 alle 18:00, mentre i giorni della partita variano in base al calcio d’inizio. Tuttavia i criteri d’ingresso sono molto particolari, in quanto ogni giorno è dedicato ad una categoria di tifosi.

E’ possibile acquistare un biglietto combinato, che oltre al museo permette l’accesso allo stadio. Durante la visita, è possibile entrare negli spogliatoi, nell’area media e in una serie di zone esclusive.

A novembre 2019 è stato inaugurato il J Hotel, il primo albergo in Italia di proprietà di una squadra di calcio, aperto anche a turisti e tifosi. La struttura ha 138 stanze e un’ala dell’albergo è riservata esclusivamente alla prima squadra per i ritiri pre-partita.

Ogni particolare è bianconero e a chi prenota in occasione di un incontro casalingo della Juventus viene garantita la possibilità di acquistare un biglietto per la partita.

alessandro del piero
L’Allianz Stadium di Torino: la casa della Juventus

Momenti memorabili

Nonostante la giovane età, l’Allianz Stadium di Torino ci ha regalato già dei momenti iconici fin dall’inizio: basti pensare al 12 maggio 2012. A meno di un anno dall’inaugurazione, lo Stadium è strapieno. Il popolo bianconero si prepara ad applaudire per l’ultima volta l’idolo di un ventennio.

Alessandro Del Piero è arrivato alla fine del suo percorso con la Juventus. Dice addio tra le lacrime dei propri tifosi, tra i loro applausi, quelli dei compagni, degli avversari e di tutto il mondo calcistico. Un momento che ancora oggi crea nostalgia e tristezza, al popolo bianconero e non solo.

Nello stadio si sono avvicendati momenti di grande gioia ma anche di qualche cocente delusione:

  • L’11 aprile 2017 la serata memorabile di Champions con la partita Juventus-Barcellona finita 3-0. Quella che è stata definita la notte di Dybala, che vince contro il fenomeno Messi;
  • Il 3 aprile 2018 all’Allianz Stadium va in scena l’andata dei quarti di finale di Champions League, avversario di serata, il Real Madrid. Sarà una sconfitta cocente per il mondo bianconero, che però assisterà ad una delle giocate più incredibili viste nella storia del torneo, a cui il pubblico tributerà giustamente il meritato applauso;
  • Il 12 marzo 2019 la Juventus si vede costretta a rimontare il 2-0 contro l’Atletico Madrid nell’andata dei quarti di finale di Champions. Nessuno ci crede ma quella sera a mostrare gli attributi sarà Cristiano Ronaldo. A fine gara il tabellino registrerà il punteggio di 3-0 in favore dei bianconeri.

Uno stadio non è solo un gigante di ferro dal cuore freddo: non si giudica solamente dalla grandezza, dal numero di posti o dalla loro qualità. Uno stadio si giudica soprattutto dalle emozioni che sa suscitare, da ciò che vi è accaduto, dai momenti di gioia o dolore che ha saputo regalare.

E l’Allianz Stadium di Torino ne ha già vissuti e ne vivrà ancora molte.

593

Related Articles

593
Back to top button
Close
Close