Mole24 Logo Mole24
Home » Cronaca di Torino » Stagione Sciistica: aumento dei turisti stranieri in Piemonte

Stagione Sciistica: aumento dei turisti stranieri in Piemonte

Da Alessandro Maldera

Febbraio 27, 2024

La stagione sciistica 2023 nel Piemonte si presenta con una piacevole sorpresa: un aumento del 10% di arrivi di turisti stranieri rispetto all’anno precedente. Le Alpi del Piemonte si confermano un meta molto ambita per gli appassionati degli sport invernali confermando così la tendenza diffusa negli ultimi anni. Inoltre, dopo un periodo di siccità, finalmente la neve nei giorni scorsi è tornata a coprire le località sciistiche, allungando così la stagione invernale fino oltre a Pasqua.

L’aeroporto di Caselle: un ruolo cruciale

I tanti collegamenti aerei verso l’aeroporto Sandro Pertini hanno un ruolo cruciale nel favorire l’arrivo dei turisti stranieri nelle località sciistiche del Piemonte. Nonostante i dati definitivi non siano ancora disponibili, si registra già un aumento del 7% nel traffico rispetto allo scorso anno e un aumento del 5% nel numero delle rotte. Questo è particolarmente significativo se si considera che, rispetto all’epoca pre Covid, si è registrato addirittura un aumento generale dei passeggeri a Torino del 33%. L’aeroporto di Caselle ha chiuso il 2023 con il miglior dicembre di sempre, con oltre 356.000 passaggi, tra cui naturalmente anche i primi sciatori.

Richiami Prodotti Italia App

I flussi principali di turisti stranieri

La maggior parte deigli stranieri provengono dal Regno Unito, dall’Irlanda e dalla Scandinavia. Tra quest’ultimi, in particolare, danesi e svedesi sono in prima linea nella scelta delle destinazioni sciistiche. Ma ci sono anche altri mercati in crescita, come il Benelux, la Francia e la Spagna. È interessante notare come l’aeroporto di Caselle abbia aumentato la sua offerta per i passeggeri sciatori, aprendo nuove rotte verso destinazioni come Belfast, nell’Irlanda del Nord, London Heathrow nel Regno Unito e Vilnius in Lituania. Nuovi collegamenti che hanno attratto un nuovo numero turisti verso le montagne piemontesi.

Opportunità per le località sciistiche

Durante questi periodi di vacanza, le stazioni organizzano eventi e pacchetti turistici in collaborazione con le aziende locali e i consorzi turistici. Le festività di Pasqua e le settimane bianche sono nel pieno del loro svolgimento in questo periodo, attirando un numero significativo di turisti stranieri. Le grandi stazioni sciistiche cercano di prolungare la stagione il più possibile, spostando la chiusura almeno alle prime settimane di aprile.

Le località sciistiche del Piemonte

Ecco le principali destinazioni dei turisti sulle montagne olimpiche della Val Susa

Sestriere: olandesi e scandinavi

La località sciistica lavora molto con i turisti provenienti dall’Olanda e dalla Scandinavia. In particolare, un tour operator scandinavo specializzato nei pacchetti per sciatori offre servizi da dopo Natale fino alla fine di marzo.

Bardonecchia: francesi

La cittadina è una meta molto popolare tra i turisti d’oltralpe. Il sistema scolastico francese prevede due settimane di vacanza a febbraio, e moltissime famiglie scelgono Bardonecchia come destinazione per trascorrere le loro vacanze invernali. Fino al 10 marzo, le piste di Bardonecchia sono affollate di turisti francesi che approfittano delle loro vacanze scolastiche.

Mondolè e Limone: inglesi

Queste località sciistiche sono storicamente molto popolari tra gli inglesi I Britannici scelgono queste destinazioni per godere delle meravigliose piste di sci e delle strutture turistiche di alta qualità

La criticità del Tenda

Nonostante l’aumento dei turisti stranieri nelle località sciistiche del Piemonte, c’è ancora una critica critica che affligge il Cuneese: la chiusura del passo del Tenda. L’impossibilità di percorrere questa via di comunicazione tra l’Italia e la Francia rende difficile il flusso di turisti tra le due nazioni, penalizzando così il Cuneese nei flussi turistici provenienti dall’estero.

Alessandro Maldera Avatar

Alessandro Maldera

Giornalista, ha collaborato per molti anni con testate giornalistiche nazional e locali. Dal 2014 è il fondatore di mole24. Inoltre è docente di corsi di comunicazione web & marketing per enti e aziende