Articoli HPEconomia

Il Politecnico investe 500 milioni per la riqualificazione di Torino

1221
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il nuovo anno ha portato con sé un nuovo piano di riqualificazione da oltre 500 milioni realizzato dal Politecnico di Torino.

Il piano sarà completamente finanziato con i fondi del piano Pnrr. Il progetto sarà completato nell’arco di cinque anni, durante i quali prenderanno vita tantissimi progetti. Grazie ai fondi si andranno a realizzare delle nuove aule e laboratori e si attiveranno dei processi di rigenerazione urbana.

Un anno di progetti per il Politecnico

Il tema degli atenei come forze motrici per la rigenerazione e il cambiamento della città è molto presente nella relazione che il 17 gennaio ha aperto l’anno accademico 2022/2023. All’evento parteciperà anche il ministro dell’’Università Anna Maria Bernini.

Il rettore del Politecnico Saracco ha elencato e definito le prossime riqualificazioni delle strutture torinesi. Inizialmente si procederà con le ristrutturazioni di Torino Esposizioni, successivamente si vedrà la nascita di una Cittadella dell’Inclusione Sociale nell’ex Manifattura Tabacchi.

Parte la riqualificazione di Torino firmata dal Politecnico

Nel frattempo, le piattaforme tematiche di sviluppo che il Politecnico stanno promuovendo con l’Università di Torino e gli altri attori del territorio ulteriori progetti.

Un esempio è la Città della manifattura avanzata e della mobilità sostenibile di Mirafiori (ulteriori 16.000 metri quadri rispetto ai 5.400 già disponibili). 

La Città dell’Aerospazio, invece, sorgerà in corso Marche. Qui Leonardo ha conferito uno stabile in affidamento cinquantennale al Politecnico, nel quale si costruiranno 12.000 metri quadri di laboratori di ricerca.

Verrà anche riqualificato l’Environment Park, dove il Politecnico rafforzerà la sua presenza rendendolo più moderno e all’avanguardia.

Questi 500 milioni avranno anche un grande impatto economico, visto che molte aree riqualificate ospiteranno aziende in arrivo dalla Cina e da tutto il mondo.

Secondo gli ultimi dati Torino perde circa 5000 abitanti all’anno e ne guadagna 2000 da altri stati. Questo fenomeno è molto pericoloso perché senza un inserimento nel tessuto sociale di personale qualificato a sostituire quello trasferito, la città stessa perde molto in termini di qualità.

1221

Related Articles

1221
Back to top button
Close
Close