Ambiente

Torino, l’inquinamento preoccupa: aria tossica un giorno su quattro

1018
Tempo di lettura: < 1 minuto

Da anni la città di Torino convive con la questione dell’inquinamento, e gli ultimi aggiornamenti parlano di aria tossica un giorno su quattro.

I report sulla qualità dell’aria negli ultimi anni hanno mostrato come Torino, e il Piemonte in generale, sia in crisi ambientale.

Emissioni, smog la fanno da padrone malgrado politiche green del capoluogo di regione, che da tempo prova a contrastare l’inquinamento con politiche mirate. Alberi piantati, piste ciclabili e blocco del traffico ancora non riescono a contrastare il grande problema ambientale torinese.

A Torino l’aria è tossica un giorno su quattro: i dettaglio

Il 2020 è stato un anno di poco riferimento statistico, complici le restrizioni legate alla pandemia che ha compromesso il flusso dei dati. Il 2021 è tornato a dare un contributo più attendibile dell’aria piemontese, e i dati non sono copnfortanti.

ARPA Piemonte, nel suo report ambientale, ha raccontato di una Torino ancora lontana da definirsi una città dall’aria pulita.

Nel dossier “Uno sguardo all’aria”, sulla Città della Mole e l’intero territorio urbano, si registrano i livelli di sostanze tossiche nell’aria.

Malgrado la siccità che ha colpito il capoluogo piemontese negli ultimi due mesi del 2021, le giornate favorevoli per l’accumulo di PM10 sono scese da 123 del 2019 a 100.

Tuttavia salgono gli sforamenti di 35 microgrammi di micropolveri, che nel 2021 sono stati 59 contro i 45 del 2019. Tuttavia la concentrazione media di microgrammi a Rebaudengo e Lingotto scende, ma la situazione resta allarmante.

Infatti la concentrazione si è ridotta, in queste due centraline, da 60 e 37 a 48 e 40 microgrammi.

Tag
1018

Related Articles

1018
Back to top button
Close
Close