Articoli HPTerritorio

Torino, una petizione per cambiare il nome di Corso Unione Sovietica

11700
Tempo di lettura: < 1 minuto

La guerra in Ucraina ha riportato alla luce una vecchia disputa sul nome di Corso Unione Sovietica a Torino, con un gruppo di residenti che ha chiesto il cambio del nome della via.

Già in passato il nome dell’arteria della città era stata oggetto di dispute, ma il conflitto nell’est Europa ha riacceso la questione.

Torino ha subito mosso la sua vicinanza al popolo ucraino con diverse iniziative. Tre giorni fa la Mole Antonelliana si è illuminata con i colori della bandiera ucraina, e la Regione Piemonte si è detta pronta ad accogliere i profughi di guerra.

Inoltre l’EBU ha escluso la Russia dall’Eurovision, il grande evento musicale che si terrà sotto la Mole dal 10 al 14 maggio.

I residenti hanno chiesto il cambio del nome di corso Unione Sovietica a Torino: i dettagli

Due associazioni del capoluogo piemontese, Soluzioni Artistiche e Arteficio, hanno lanciato una petizione online per cambiare il nome a una delle vie principali della città, Corso Unione Sovietica.

Le associazioni hanno utilizzato il portale di petizioni online Change.org. Al momento le firme raccolte sono 105.

Le motivazioni sono dichiarate sulla richiesta, sottolineando come Torino sia una città europea fondata sulla pace. Infatti il nuovo nome proposto è Corso Unione Europea.

Un chiaro messaggio contro la controversa storia dell’URSS, e una protesta contro l’attuale guerra russo-ucraina.

Al momento nulla di ufficiale è arrivato in Sala Rossa, ma il consiglio comunale ha promesso di vagliare ogni richiesta che giungerà a Palazzo di Città.

11700

Related Articles

11700
Back to top button
Close
Close