AmbienteArticoli HPTerritorio

Ambiente, Torino non è più la città con più smog in Italia

1517
Tempo di lettura: < 1 minuto

Torino può finalmente sorridere: la Città della Mole perde ben quattordici posizioni nella classifica delle città con più smog in Italia.

Un dato confortante, che attesta come le misure adottate dalla Giunta Comunale per affrontare l’inquinamento abbiano dato i propri frutti.

Il risultato migliora l’ultimo report dell’Agenzia Europea per l’Ambiente di luglio, che vedeva il capoluogo piemontese al terzo posto in Italia.

Numeri in crescita anche rispetto al 2020, quando il diossido d’azoto ha provocato in città circa 700 morti.

L’ultimo report è di Legambiente, e racconta di un netto miglioramento per la Città di Torino, con la conseguente discesa nella graduatoria di città più inquinata nel nostro paese.

Torino passa dal primo al quindicesimo posto nella classifica di Legambiente per lo smog: i dettagli

I risultati sulla svolta Green della Giunta Comunale hanno portato i frutti a Torino in tema di inquinamento, ma malgrado ciò occorre ancora agire con prudenza.

Legambiente ha stilato il Rapporto Mal’Aria 2021, che racconta una nuova situazione per quanto concerne la concentrazione di polveri sottili nel nostro paese, soprattutto nei centri urbani più popolosi.

La classifica tuttavia tiene conto di un unico parametro: gli sforamenti per giorno rispetto ai limiti imposti dalle normative varate dalla Comunità Europea. Tali parametri prevedono un numero massimo di 35 eccedenze per anno nei limiti di 50 microgrammi di PM10 per metro cubo d’aria.

L’Italia ha ampiamente sforato tali limiti, ricevendo ben tre procedure di infrazione nel solo 2020, malgrado il minor traffico e produzioni industriali legate alle restrizioni della pandemia. Questi eccessi hanno portato alla condanna da parte della Corte di Giustizia Europea.

Nei primi nove mesi del 2021 Torino ha sforato i limiti 34 volte, e in Piemonte Alessandria ha fatto peggio con 38 eccedenze.

Un dato confortante per la Città della Mole, che negli scorsi anni superava il limite già a partire dai primissimi mesi dell’anno.

1517

Related Articles

1517
Back to top button
Close
Close