Articoli HPTerritorio

Torino, cresce il consumo di cemento: più della media nazionale

642
Tempo di lettura: < 1 minuto

La svolta Green per la città di Torino è nei piani dei palazzi del governo cittadino da tempo, ma tuttavia il consumo di cemento cresce.

Malgrado la pandemia e le nuove misure verso politiche sostenibili, la Città della Mole continua a vedere diminuire i propri spazi verdi.

La velocità di questi interventi supera la media nazionale di cementificazione urbana, aumentando il grigio in città.

Interventi che con il clima sempre più caldo, rischia di innalzare i disagi tra i residenti.

A Torino cresce il consumo di cemento: i dettagli

La Città della Mole ha da tempo spostato le attenzioni verso la qualità dell’aria, soprattutto per i preoccupanti livelli di smog tra le mura cittadine.

Tuttavia il report del Sistema Nazionale per la Protezione all’Ambiente ha diretto l’attenzione verso la quantità di urbanizzazione di Torino, e del Piemonte in generale, rispetto alle aree verdi.

Stando al report, in Piemonte tra il 2019 e il 2020 sono spariti oltre 439 ettari di aree verdi. Il Piemonte è al quarto posto in questa poca lusinghiera graduatoria alle spalle di Lombardia (765 ettari in meno), Veneto (682) e Puglia (493).

Rispetto allo scorso anno è sparito lo 0.26% della superficie, e la soglia di terreno edificato è arrivata a coprire il 6.67% del terreno totale. Un dato particolarmente alto, considerando che il Piemonte ha diverse aree non edificabili, come le zone montuose.

Parlando di province, invece, Torino è la seconda provincia italiana con la maggior superficie consumata dal terreno edificato. nella regione sabauda sono 58 mila gli ettari coperti da cemento, con un incremento di 162 ettari rispetto a dodici mesi fa.

Una crescita di 0.28%, che portano la superficie totale coperta di 8.53%. Solo Roma conta una superficie in cemento maggiore, con 70 mila ettari quadri edificati, mentre Milano è appena sotto i 50 mila.

Tra le città invece Torino è terza con 14 ettari edificati dietro solo Roma(123 ettari) e Troia – nel foggiano – con 66 ettari malgrado i soli settemila abitanti.

642

Related Articles

642
Back to top button
Close
Close