AnimaliArticoli HP

Torino, crescono i furti di arnie: gli apicoltori chiedono tutela

705
Tempo di lettura: < 1 minuto

Gli apicoltori di Torino sono sempre più spesso vittime di furti di arnie che compromettono lavoro e guadagni.

Reati che colpiscono sempre più i più imprenditori locali, che vedono svanire i potenziali guadagni delle loro attività.

L’ultimo episodio si è registrato ieri a Villar Perosa, quando dei malviventi hanno sottratto preziose arnie, privando l’attività produttiva di diverse migliaia di euro di materiale.

Api che in questo periodo storico sono sempre più amiche della Città della Mole. Infatti nel Capoluogo Piemontese sono state installate due postazioni di api sentinelle, una a Torino Nord e una al parco del Meisino, per testare la qualità dell’aria.

Sempre più furti di arnie a Torino: per gli apicoltori è impossibile tutelarsi

La stagione dell’estrazione del miele era cominciata male in Piemonte, tra caldo torrido e fioriture compromesse, e adesso sono i furti a preoccupare.

L’ultimo episodio è avvenuto in Val Chisone, quando dei malviventi hanno sottratto all’azienda famigliare di Emiliano Barbato le arnie contenenti le colture d’api. Gli alveari si trovavano in zona Zaniboni a Villar Perosa, quando gli alveari sono stati sottratti all’Apicoltura Bee Slow di San Germano Chisone.

Barbato ha espresso il suo pensiero sulla pagina Facebook di Bee Slow mostrando amarezza, ma anche tanta voglia di ripartire.

Il danno stimato si aggira attorno ai 10 mila euro tra materiali danneggiati e prodotto e api sottratte, circa un terzo della produzione aziendale.

I furti di arnie in Italia sono sempre più frequenti, creando sempre più preoccupazione tra i produttori di categoria.

Nel 2020 solo il Piemonte ha fatto registrare circa 40 furti di alveari, mentre a inizio 2021 un apicoltore di Buttigliera ha denunciato la scomparsa di 100 mila api operaie e 50 regine.

I produttori chiedono tutele, tuttavia le compagnie assicurative hanno polizze troppo elevate, poiché il bene da tutelare è all’aria aperta, aumentando i rischi di rimborso.

705

Related Articles

705
Back to top button
Close
Close