AmbienteArticoli HP

A Torino Nord posizionate api sentinelle per verificare la salute dell’ambiente

781
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’ambiente è da sempre un tema delicato per la città di Torino, per questo Iren ha posizionato delle api sentinelle per testare l’ecosistema torinese.

L’insetto sociale fungerà da alleato dell’uomo nel capire la qualità dell’aria che respiriamo, soprattutto dopo i preoccupanti moniti di questi mesi. Infatti Legambiente e ARPA hanno rilasciato dati allarmanti per quanto riguarda la qualità dell’aria e per la concentrazione delle poveri sottili.

Oltre la tecnologia, le matrici degli alveari sono ottimi indicatori della qualità dell’aria, dato che le api fanno una campionatura dell’ambiente circostante.

Le api sentinelle misureranno lo stato dell’ambiente e dell’aria a Torino: i dettagli

Il Gruppo Iren, grazie al supporto di Apicoltura urbana, utilizzerà le api per comprendere lo stato di saluto dell’ambiente in cui viviamo.

Uno studio dell’ecosistema totalmente amico dell’ambiente, e che sfrutterà i piccoli insetti per trarre importanti informazioni sullo stato di salute dell’aria.

Infatti le api raccolgono sostanze dell’ambiente circostante per creare un alveare che rilascia matrici ricche di informazioni. Il progetto prevede la creazione di due alveari contenenti circa centoventi mila api

Il monitoraggio avverrà nei pressi della centrale di congenerazione Iren sita a Torino Nord. Le api riusciranno a impollinare sessanta milioni di fiori, garantendo la produzione di circa venti chili di miele all’anno.

Gli insetti volano fino a quattro chilometri, raccogliendo pollini, fiori, acqua e resine dal territorio circostante, offrendo diverse informazioni sull’ecosistema circostante.

I monitoraggi sugli alveari saranno diversi, il primo verrà effettuato nell’ultimo trimestre dell’estate, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre.

Si valuterà il miele e la cera, ma anche le api morte, che essendo esposte alle intemperie ambientali contengono diverse informazioni a riguardo. Questo è reso possibile grazie alla peluria che ricopre il corpo degli insetti.

Non mancherà un lavoro psicologico sulle api, che studieranno i comportamenti degli sciami, che in ambienti non favorevoli non producono miele.

781

Related Articles

781
Back to top button
Close
Close