AmbienteArticoli HP

ARPA: a Torino migliora la qualità dell’aria, ma le polveri sottili preoccupano

537
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’ARPA Piemonte, nel suo report sulla qualità dell’aria, indica un miglioramento nell’aria di Torino, ma alcuni parametri restano allertanti.

Dopo mesi di aspre critiche per una situazione della respirabilità dell’aria preoccupante, Torino mostra segnali di ripresa.

Dopo che nei mesi scorsi Legambiente aveva mostrato un quadro altamente critico della respirabilità nella Città della Mole, in queste ore arrivano segnali di ripresa.

L’ARPA, Agenzia Regionale per l’Ambiente, mostra un quadro di miglioramento per quanto riguarda la situazione torinese.

Un rapporto che non può tenere conto di un lockdown che ha condizionato il traffico, seppur il cattivo meteo dell’anno abbia alterato i dati al ribasso.

Dal report dell’agenzia dell’ambiente emerge come le misure di contenimento delle emissioni abbia dato i suoi frutti.

Il report dell’ARPA sulla qualità dell’aria a Torino

Il rapporto ARPA ha mostrato come nove dei dodici parametri analizzati sia entro i limiti, mentre le emissioni di PM10, Biossido di azoto e ozono sono al di sopra della soglia limite.

L’indagine mostra come il calo del traffico veicolare abbia abbattuto il dato sul biossido d’azoto, che comunque resta sopra i valori critici in due stazioni ARPA.

Mentre la diffusione del PM10 non è calata per via di una condizone meteorologica sfavorevole, che non ne ha permesso al dispersione.

Il valore di rischio è stato superato, nella misura di 50 microgrammi per metro cubo, oltre i 35 giorni in 12 stazioni ARPA su 19.

La media cittadina annuale, però, è al di sotto della media dei 40 microgrammi per metro cubo, tranne in una stazione, ma l’agenzia sostiene che sia una soglia trascurabile.

Preoccupano l’ozono, che ha registrato solo nei mesi estivi lievi miglioramenti, ma in media la situazione resta preoccupante.

La situazione degli inquinanti resta tuttavia nei parametri, con le altre nove polveri sottili analizzate al di sotto della soglia critica.

Questi numeri confermano l’efficacia delle misure di contenimento delle emissioni.

537

Related Articles

537
Back to top button
Close
Close