Articoli HPEventi

Al Museo Egizio si parla dialetto piemontese: Su YouTube si celebra il Piemonte

909
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Museo Egizio parla dialetto piemontese.

I curatori del museo hanno scelto questa iniziativa per celebrare i cinquant’anni della regione Piemonte.

Una scelta curiosa, tra sarcofagi e geroglifici, ma che unisce ancor di più le storie dei piemontesi e dei faraoni, creando un’interessante intreccio.

Il dialetto piemontese, rassicurano gli ideatori dell’idea, è il perfetto filo conduttore tra due mondi apparentemente distanti, ma uniti nello storico museo.

I Museo Egizio parla dialetto piemontese: l’iniziativa

Il museo, ogni martedì fino al 22 dicembre, rilascerà un video in dialetto piemontese e sottotitolato in italiano. I video clip hanno lo scopo di ripercorre le tappe del museo all’interno della città.

Saranno otto appuntamenti, uno per provincia, dove le figure di spicco piemontesi narreranno in vernacolo i passi del museo egizio.

Facebook e Youtube ospiteranno i video, in un progetto chiamato “Dalle Alpi alle piramidi. Piccole storie di piemontesi illustri”.

A realizzare i contributi visivi ci ha pensato il Centro Studi piemontese, con il patrocinio della regione. Albina Malerba ha prestato la voce alla narrazione dei videoclip.

Ieri, Il Museo Egizio su Youtube, ha lanciato il primo video, dedicato alla provincia di Cuneo ed è dedicato a Giulio Cordero di San Quintino.

Torino, invece, sarà narrata da Bernardino Drovetti, che sarà uno dei più grandi contribuenti del museo, con pezzi raccolti nell’età napoleonica.

Il Museo Egizio, malgrado racconti vicende passate,è sempre proiettato al futuro, e di queste settimane la notizia della digitalizzazione di miglia di papiri, consultabili sul web e in maniera gratuita.

909

Related Articles

909
Back to top button
Close
Close