Articoli HPTerritorio

Tutto fermo per la vendita dell’ex grattacielo RAI di Torino

2083
Tempo di lettura: 2 minuti

Slitta il bando per la vendita dell’ex grattacielo RAI di Torino, progetti rimandati e niente hotel

I progetti per la vendita e il rilancio dell’ex grattacielo RAI di Torino sono ancora fermi.

La struttura di piazza XVIII Dicembre, da almeno due anni, è al centro di numerosi dibattiti per adottare nuove soluzioni. Tra le ipotesi più gettonate si era fatta largo quella della realizzazione di un nuovo albergo.

Nello specifico, Hilton stava ragionando con il Comune di Torino sulla possibilità di portare agli antichi splendori il grattacielo, ma sotto una nuova veste.

L’azienda, che ha già investito parecchio in città con altri punti della sua catena, era orientata ad aprire un hotel lussuoso e innovativo, che poteva contare su 18 piani fuori terra, distribuiti su 72 metri di altezza.

Tutto ciò significava dare vita a una struttura ricettiva da ben 300 camere, in grado di offrire tutti i comfort e tutte le proposte di avanguardia tecnologica e alberghiera. Questa bellissima ipotesi, che avrebbe potuto rappresentare il definitivo rilancio dell’ex grattacielo, potrebbe però restare solo un bel progetto su carta.

L’arrivo e la diffusione del Coronavirus è stata una vera e propria mazzata per il turismo: il settore ha subito (e subirà) perdite enormi e un investimento del genere sarebbe troppo rischioso per qualsiasi azienda.

L’evoluzione delle trattative

In realtà, oltre a Hilton, ci sono stati tanti sopralluoghi effettuati da soggetti interessati, a seguito dei quali non sono state presentate offerte concrete per la presa in carico dell’edificio.

Sebbene la base d’asta sia stata fissata a 7 milioni di euro, la cifra per gli aggiudicatari potrebbe salire fino a 30 milioni di euro per tutte le opere interne necessarie. Insomma, un esborso economico non indifferente, per il quale è obbligatorio un ragionamento approfondito in questi tempi difficili.

Nel frattempo pare essere stata risolta la piaga dell’occupazione da parte dei senzatetto, che per anni hanno trovato posto agli ingressi. Un riparo che ormai era stato preso come punto di riferimento dai clochard, che però hanno poi abbandonato la zona a seguito delle sollecitazioni delle forze dell’ordine.

Ora il nuovo problema dell’ex grattacieloRAI di Torino sono i rifiuti, vista la folta presenza di bottiglie, lattine e altra immondizia. Una manifestazione di inciviltà che non rende giustizia a quello che è un pezzo storico della città, e che dovrebbe essere curato proprio per essere assegnato a potenziali acquirenti. 

Insomma, una situazione ancora molto incerta, per un complesso che ormai è inutilizzato dal 2016. Con il contesto economico e sociale attuale, però, sarà molto difficile trovare una soluzione nel breve periodo.

2083

Related Articles

2083
Back to top button
Close
Close