Home Articoli HP 5 febbraio 28 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

5 febbraio 28 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

Torino quando cala il buio vista dall'alto
5 febbraio 28 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum
Tempo di lettura: 2 minuti

5 febbraio 28 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

Il 5 febbraio del 28 a.C. veniva fondata Iulia Augusta Taurinorum, la città che oggi conosciamo tutti come Torino.

Questa è la data d’origine, stando a quanto riportato da Guido Cossart nel suo libro Torino, città celeste. Una data che è stata provata dallo storico, secondo cui il capoluogo piemontese è stato fondato quando il sole sorse in maniera perfettamente allineata su via Garibaldi, in un giorno di oltre 2040 anni fa.

5 febbraio 28 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

Come si può leggere dal volume, “un anonimo professionista romano, chiamato “gromatico”, stava puntando uno strano strumento di ferro in direzione della collina che si erge alle spalle di Palazzo Madama.

Il suo lavoro consisteva nell’individuare il corretto orientamento della nascente città di Augusta Taurinorum. Anzi, in realtà, il gromatico si era piazzato un poco più a est, all’incrocio tra via Garibaldi e via Porta Palatina e aveva piantato la sua groma nel terreno, in quello che allora veniva chiamato il “locus”, il luogo simbolico che avrebbe visto la nascita della città“.

Altri cenni storici sulla nascita di Torino e la tesi dell’anno 30 a. C.

Le origini del capoluogo piemontese risalgono in realtà al 58 a.C. . Quell’anno, il proconsole Giulio Cesare stabilì nell’area in cui attualmente sorge la città della Mole un accampamento militare per raggiungere facilmente e velocemente le Gallie.

Successivamente, l’accampamento fu ampliato e divenne, nel 44 a.C., una colonia. Prese il nome di Julia Taurinorum. Solo in seguito, nel 28 a.C., Augusto, dispose la realizzazione di una seconda colonia, che adottò un impianto a castrum, ancora oggi visibile. Il territorio fu denominato Augusta Taurinorum.

In base a quanto viene riportato da studi molto recenti, però, la fondazione della città potrebbe essere avvenuta in un momento successivo. Il 30 gennaio 9 a.C. la colonia venne iscritta come tribù romana rurale Stellatina, per essere dotata di una cinta muraria protettiva solo nel I Secolo.

Stando ai ritrovamenti di alcuni documenti e a calcoli astronomici, uniti a studi di archeologia e storia, la nascita della città avvenne ufficiale alle ore 07:45.

La tesi è stata portata avanti nel 2018 da l’archeologo Sandro Caranzano, direttore del Centro Studi Archeologici Herakles, e l’astrofisica Mariateresa Crosta, dell’Osservatorio Astrofisico di Torino. Già nel 2012 questa tesi aveva preso corpo grazie ad Amelia Carolina Sparavigna del Politecnico di Torino.

In questo modo, dunque, viene portata avanti una teoria in contrapposizione rispetto a quella più nota, che vuole la nascita di Torino in data 21 aprile 753 a.C.. Una novità che potrebbe cambiare la storia della nostra città.