Sanità

Giornate della Vista: visite oculistiche e occhiali gratuiti per le persone svantaggiate di Torino

Tempo di lettura: < 1 minuto

Sono iniziate a Torino le “Giornate della Vista” promosse dalla Fondazione OneSight EssilorLuxottica Italia. L’iniziativa, che dal 3 luglio continuerà fino al 23 luglio, si svolgerà presso il Sermig in via Andreis 18/44.

Il progetto ha l’obiettivo di offrire visite oculistiche gratuite e fornire occhiali in maniera sostenibile anche alle persone svantaggiate, segnalate dalle associazioni coinvolte.

Visite e occhiali gratuiti per le persone svantaggiate: iniziano a Torino le “Giornate della vista”

Michela Favaro, vicesindaca della città, ha partecipato all’inaugurazione della clinica oculistica del progetto, che sarà operativa al Sermig Arsenale della Pace fino al 23 luglio. Essilor, con il supporto del Sermig, della Comunità di Sant’Egidio, l’Ordine di Malta, la Banca delle Visite e l’Associazione S. Vincenzio, ha allestito la struttura con tutta la strumentazione tecnica necessaria.

Grazie alle “Giornate della Vista” sarà possibile far visitare a medici oculisti e ortottisti oltre 600 persone svantaggiate. Il team operativo che visiterà i pazienti sarà messo a disposizione dal Prof. Michele Reibaldi, Direttore della Clinica Oculistica Universitaria dell’A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino.

Inoltre, dopo il consulto con i medici, gli ottici di GrandVision e Samoiraghi & Viganò troveranno la soluzione visiva più adatta in base alla prescrizione. Gli occhiali si realizzeranno poi in collaborazione con gli studenti dell’Istituto Luigi Lagrange di Torino e dell’Irsoo (Istituto di Ricerca e di Studi in Ottica e Optometria di Vinci). All’iniziativa parteciperanno anche rappresentanti volontari di EssilorLuxottica. Saranno loro ad agevolare il flusso delle visite e la scelta del modello di occhiali, donando ognuno un giorno di ferie.

Per il Comune di Torino, questa è un’iniziativa molto importante. Infatti, le visite oculistiche sono importanti strumenti in grado di preservare la capacità visiva e l’autonomia personale. Il progetto è rivolto soprattutto alle fasce più fragili, che non sempre possono permettersi una visita e degli occhiali in autonomia.

Asja D’Arcangelo

Related Articles

Back to top button
Close