Cronaca di Torino

Mirafiori: trovate delle esche per cani chiodate nel parco

1106
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo gli ultimi tre avvelenamenti dei giardini Sanctus, una nuova minaccia per i cani di Torino: a Mirafiori Sud c’è stato il ritrovamento di alcune esche chiodate.

Torna la paura per i cani a Mirafiori: esche chiodate nel parco

Torna l’allarme e la paura per i bocconi nocivi per cani nei parchi pubblici del torinese.

Questa volta l’allarme è scattato nel parco Mirafiori Sud di Torino. Qui, domenica sera, c’è stato il ritrovamento di diverse esche per cani, posizionate con il chiaro intenti di ferirli o peggio. Si trattava di piccoli wurstel di pochi centimetri di lunghezza, al cui interno qualcuno ha inserito dei chiodi.

Queste esche, fortunatamente, sono state trovate appena in tempo e raccolte prima che dei cani, a passeggio nel parco, potessero ingerirle.

Ad occuparsi di raccogliere le esche è stata la Polizia Municipale, che le analizzerà per cercare delle tracce sull’autore del crimine. Si sospetta che il movente possa essere la vendetta. Chiunque abbia piazzato le esche potrebbe averlo fatto per far pentire i padroni dei cani, probabilmente colpevoli di lasciare liberi i loro amici a quattro zampe nel parco.

In zona, infatti, non è presente un’area cani dove poter far correre liberamente questi animali domestici. Per questo motivo i padroni li lasciano spesso senza guinzaglio, in modo da farli muovere un po’.

Ancora attacchi ai cani di Torino: ecco gli ultimi episodi

Non è di certo il primo ritrovamento di esche potenzialmente pericolose per i nostri amici a quattro zampe nella zona sud di Torino.

Lo scorso marzo c’è stato il ritrovamento di una fetta di carne avvelenata nel giardino Wallemberg, in via Vivanti a Mirafiori. Il mese prima, invece, delle esche erano state trovate dannati al Palazzo del Lavoro, a Nizza Millefonti.

Sfortunatamente non sempre la vicenda si conclude per il meglio. Ad esempio, in altre zone della città, nei mesi scorsi sono morti cinque cani. Tutti hanno ingerito bocconi velenosi durante le loro passeggiate nei parchi comunali in zona Madonna di Campagna. Solo a gennaio di quest’anno, tre cani sono morti ai giardini Sanctus di corso Svizzera dopo aver ingerito bocconi letali.

Proprio in corso Svizzera, l’altro ieri, dei cittadini residenti in zona si sono dedicati alla pulizia dei giardini e delle aree cani limitrofe. Fortunatamente, nessuno ha trovato delle esche, anche se i volontari hanno raccolto e smaltito 80 sacchi di rifiuti.

Sempre loro qualche anno fa, invece, hanno dato vita a una campagna su Change.org per la riqualificazione dell’area cani stessa e in poche ore sono state raccolte più di 230 firme.

1106

Related Articles

1106
Back to top button
Close
Close