Articoli HPUrbanistica

Torna il progetto per la creazione di un parcheggio interrato al Valentino

472
Tempo di lettura: 2 minuti

Con il progetto di riqualifica del parco del Valentino, e la conseguente perdita di 150 posti auto, torna il progetto per la creazione di un parcheggio interrato.

Un parcheggio interrato al Valentino

L’ipotesi della realizzazione del progetto del parcheggio interrato per recuperare i 150 posti auto del Valentino, si fa sempre più concreta.

Gli stalli andranno persi durante le manovre di ristrutturazione del parco, previste dal Pnrr.

L’idea, però, non è affatto nuova, ma risale a ben cinque anni fa, durante la giunta Fassino.

La giunta Appendino aveva però stralciato il progetto del parcheggio interrato del Valentino in seguito a diverse proteste e polemiche.

Il problema dei parcheggi al Valentino mette in moto il Comune

È stata l’assessora Foglietta (Viabilità), assieme all’attuale sindaco Lo Russo, a mettere in luce il tema dei posteggi mancanti.

Dal dialogo tra il Comune ed i tecnici, tra le varie ipotesi, è riemersa anche quella del posteggio interrato.

Il progetto del parcheggio sotterraneo del Valentino, però, potrebbe anche non rivelarsi essere la soluzione più idonea per risolvere il problema degli stalli.

La maggior parte dei posti auto persi, infatti, sarà nell’area compresa tra Torino Esposizioni, il Teatro Nuovo e l’ex discoteca Rotonda.

È per questo motivo che l’attenzione degli uffici tecnici si concentra soprattutto su quella zona.

La ristrutturazione del Valentino

Data la complessità del progetto che punta a ristrutturare l’area del parco del Valentino, quasi settimanalmente il Comune si riunisce assieme a Mibact e Palazzo Chigi.

Grazie al Pnrr e ad altri fondi del Mibact, verrà realizzata non solo la riqualificazione del Valentino, ma anche altri progetti relativi a quest’area della città.

Le risorse serviranno anche alla navigabilità del fiume Po e al restauro del Borgo Medievale.

In più, il progetto prevede la realizzazione della Biblioteca Civica Centrale all’interno di Torino Esposizioni e la rifunzionalizzazione del Teatro Nuovo.

Sono quattro gli assessorati che seguono il progetto di trasformazione di questa zona della città: Urbanistica (Mazzoleni), Cultura (Purchia), Viabilità (Foglietta) e Parchi Pubblici (Tresso).

Secondo gli ultimi aggiornamenti, le prime gare per aggiudicarsi gli appalti per la realizzazione di questi progetti partiranno in autunno.

Durante il 2023, invece, si procederà con l’approvazione dei progetti di fattibilità economica e l’assegnazione di altri appalti

La fine di tutti i lavori di riqualificazione è prevista per il 2026.

Asja D’Arcangelo

472

Related Articles

472
Back to top button
Close
Close