meteo Torino

Torino: previsto un aumento della temperatura di 7 gradi entro il 2100

917
Tempo di lettura: < 1 minuto

Senza dei provvedimenti mirati alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica, a Torino, entro il 2100, si registrerà un aumento della temperatura di 7 gradi.

È quello che è emerso, durante un’audizione della quarta commissione del consiglio comunale, dalle parole dei tecnici della Protezione Civile piemontese.

Piano di Resilienza Climatica di Torino: uno studio per contrastare il cambiamento climatico

I dati che preoccupano gli esperti si possono leggere nel Piano di Resilienza Climatica della Città.

Questo documento è stato sviluppato in modo sviluppare una strategia a livello locale per ridurre la vulnerabilità del territorio e dei piemontesi.

Il piano ha individuato una serie di misure di adattamento al cambiamento climatico a breve e lungo termine.

L’obiettivo è quello di ridurre gli impatti del riscaldamento globale, tra i quali le ondate di calore e gli allagamenti.

Torino, infatti, ha già dovuto far fronte ad episodi di questo tipo particolarmente gravi, come le esondazioni del 2000 e del 2016.

Nel 2003, invece, la Città aveva dovuto affrontare la sua prima situazione di emergenza legata alle ondate di calore.

Il Piano di Resilienza contiene poi al suo interno anche degli indicatori di monitoraggio per ciascuna delle 80 azioni proposte contro il cambiamento climatico.

Torino: gli scenari prevedono un aumento della temperatura che preoccupa

Due sono gli scenari previsti all’interno del piano, uno più positivo ed uno decisamente negativo.

L’avverarsi del primo o del secondo sarà deciso dagli interventi che la politica deciderà di effettuare nei prossimi anni.

Nell’ipotesi più ottimista, che si potrà verificare solo con azioni mirate delle istituzioni, si prevede un incremento delle temperature massime di 3,4 gradi.

Lo scenario meno positivo, invece, vede un aumento della temperatura massima nel capoluogo piemontese di 6,9 gradi.

L’aumento a Torino è previsto anche per la temperatura minima.

Nella prima ipotesi, infatti, questa aumenterà di 3,2 gradi mentre, nel secondo scenario, l’aumento sarà di 5,1 gradi centigradi.

Insomma, il caldo asfissiante degli ultimi giorni, in futuro, sarà una sempre più frequente.

Uno scenario che preoccupa soprattutto se si considera il fatto che ad oggi le massime, in estate, variano dai 34 ai 38 gradi.

Asja D’Arcangelo

917

Related Articles

917
Back to top button
Close
Close