Urbanistica

Viale Mai: un nuovo spazio per la movida a Torino

1750
Tempo di lettura: 2 minuti

In viale Ottavio Mai a Torino verrà realizzato uno spazio in grado di offrire un’alternativa a coloro che, durante le ore della movida, si ritrovano in piazza Santa Giulia.

L’area organizzata sorgerà nei pressi del Campus Einaudi e sarà in grado di accogliere sia attività di somministrazione sia spettacoli musicali e culturali.

Il progetto, che vede in prima linea gli assessori Gianna Pentenero (Sicurezza), Carlotta Salerno (Rigenerazione Urbana) e Paolo Chiavarino (Commercio), è stato discusso ieri.

L’obiettivo è quello di limitare i fastidi causati dalle feste senza regole e, al tempo stesso, di creare uno spazio di ritrovo per i più giovani. 

In arrivo il bando per l’area organizzata per la movida in viale Mai a Torino

Per la scelta della zona sulla quale costruire questo punto di aggregazione, la Città di Torino ha collaborato sia con la Circoscrizione 7 sia con Unito ed Edisu.

L’area selezionata è stata Viale Ottavio Mai, zona nella quale attualmente si stanno svolgendo delle operazioni di riqualificazione previste dal progetto europeo ToNite.

Ora, il Comune sta cercando di velocizzare i lavori di pedonalizzazione del viale, in modo da poter partire con la pubblicazione di una gara.

In questo modo, la Città di Torino potrà trovare un concessionario a cui delegare la gestione delle attività.

Uno spazio alternativo potrebbe essere quello più a ridosso della Dora, anche se in questo caso sarà necessario pensare anche alla situazione della viabilità.

Il progetto del Comune per viale Ottavio Mai: i dettagli

Il progetto del Comune di Torino prevede di allestire sul viale strutture leggere, come chioschi o prefabbricati, che risultino anche piacevoli da vedere.

Questo permetterebbe di alleggerire la quantità di persone che si recano per la movida in piazza Santa Giulia.

In questa zona, infatti, i problemi legati al rumore e agli atti vandalici sono all’ordine del giorno.

L’idea sarebbe quella di rendere attivi questi spazi principalmente nel weekend, momento durante il quale si concentra, nel quartiere Vanchiglia, il maggior numero di persone.

Movida a Torino: il Comune punta sulla delocalizzazione

Il Comune, però, non vorrebbe limitare le operazioni di valorizzazione solo in questa zona.

Con uno dei suoi quattro progetti vincitori del bando Next Generation We di Intesa San Paolo, la Città punta alla delocalizzazione di aree legate alla movida notturna.

Per far sì che questo progetto divenga realtà, il Comune dovrà dialogare con le associazioni commerciali, con le Circoscrizioni e con gli operatori culturali.

Asja D’Arcangelo

1750

Related Articles

1750
Back to top button
Close
Close