Articoli HPEventi

Eventi, il Salone del Libro di Torino 2022 sarà ancora in versione XXL

691
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ance per il 2022 il Salone del Libro di Torino promette di offrire agli appassionati della carta stampata grandi eventi ed emozioni.

L’edizione appena passata infatti si è vestita in una versione extra large, con tutte le aree del polo fieristico impegnate per la rassegna. Una necessità nata per via delle leggi contro la diffusione della pandemia.

Una motivazione di necessità che si è rivelata una grandissima virtù: infatti i numeri hanno premiato l’edizione del 2021 del Salone. Infatti, malgrado l’emergenza da Covid sono stati numerosi i record toccati nella scorsa edizione.

Adesso l’organizzazione ha deciso di rinnovare la fiera in edizione allargata per sfruttare la maggiore affluenza.

Anche il Salone del Libro 2022 di Torino sarà in versione allargata: i dettagli

L’edizione del 2021 ha segnato il grande ritorno della Kermesse del libro, e il 2022 vedrà una versione ancora più estesa.

Infatti l’organizzazione ha deciso di affittare un nuovo spazio, portando la superficie totale dell’evento a 110 mila metri quadrati.

Un evento che quest’anno andrà in scenda dal 19 al 23 maggio per non entrare in conflitto con l’edizione torinese dell’Eurovision Song Contest.

Quest’anno saranno aggiunti 6700 metri quadri esterni che in questi anni erano impegnati in un cantiere. Il nuovo spazio oltre agli stand del cibo offrirà un collegamento diretto dall’Oval Lingotto al padiglione 1.

Inoltre l’evento vedrà un gradito ritorno: il Right Center, dove potranno essere siglati contratti tra autori ed editori, saltato lo scorso anno.

Gli organizzatori studiano un piano a lunghissimo termine, con la nomina di un nuovo direttore e nuovi accordi commerciali ed organizzativi.

La 34esma edizione del Salone del Libro ha già il suo tema: Cuori Selvaggi. Annunciati i primi grandi ospiti: dall’Oman arriva Jokha Al-Harthi, dalla Svizzera Joel Dicker, la vincitrice del premio Pulitzer Jennifer Egan, il regista Werner Herzog e la medaglia d’oro olimpica Marcell Jacobs.

691

Related Articles

691
Back to top button
Close
Close