Articoli HPTerritorio

Torino, continua l’emergenza cani randagi

1347
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Torino continua l’emergenza cani randagi.

Ormai dalla scorsa estate le segnalazioni su avvistamenti di interi branchi di cani randagi abbondano, soprattutto nella zona nord della città e vicino agli ex accampamenti rom.

L’ultimo sos in ordine cronologico arriva dal parco dell’Arrivore, tra via Botticelli e piazza Sofia. In questa zona i residenti hanno già effettuato diverse segnalazioni ma la situazione non si è ancora risolta.

Piccoli branchi di cani randagi continuano a essere avvistati lungo le strade, dove potrebbero diventare un problema non solo per gli altri ma anche per loro stessi.

Potrebbero infatti aggredire i passanti o provocare incidenti in mezzo al traffico.

Da qualche mese la situazione sembra poi essere ancora peggiorata. I cuccioli nati sono ormai diventati adulti e spesso si avvicinano alle case di via Botticelli per cercare cibo.

Torino, l’emergenza cani randagi non è ancora risolta: tutti i dettagli

Non è la prima volta che Torino deve fare i conti con l’emergenza randagi.

A novembre un caso analogo si verificò nell’area di via Reiss Romoli. Ora però le segnalazioni arrivano anche dal parco della Colletta, nella zona di Vanchiglietta.

Quando si trova un cane randagio per strada, la prassi prevede di contattare i vigili. Quest’ultimi provvederanno poi ad attivare il servizio di recupero da parte del canile.

Una volta recuperato, l’animale viene portato dal personale abilitato al canile sanitario di Grugliasco per essere sottoposto agli esami medici.

La struttura però già a inizio novembre aveva denunciato problemi di sovraffollamento.

Infine, si trasferisce l’animale al canile rifugio di strada Cuorgnè, un progetto lanciato appena poche settimane fa dall’assessore con delega alla Tutela degli Animali Francesco Tresso.

Scopo di questa iniziativa è ottimizzare i servizi grazie all’unione dei due presidi nell’area di Falchera.

Per questo ha avuto il via una valutazione, avviata per capire quante risorse serviranno a realizzare i lavori e a rivisitare gli spazi di strada Courgnè.

1347

Related Articles

1347
Back to top button
Close
Close