Articoli HPTerritorio

Territorio, l’aumento delle bollette porterà un aumento dei prezzi per pane e dolci in Piemonte

663
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il mondo vuole rialzarsi dalla pandemia, ma l’aumento dei costi delle bollette porterà all’aumento dei prezzi anche in Piemonte.

Il Covid ha minato l’economia mondiale, e la regione piemontese ne ha molto risentito, con un calo del PIL pari al 9.4%. Il settore più in crisi è stato quello ristorativo, che nella sola città di Torino ha visto chiudere ben 549 ristoranti, portando un danno enorme per il territorio.

Adesso molte attività commerciali del territorio sono pronte a ripartire, ed i primi numeri sono stati confortanti, tuttavia adesso c’è un nuovo nemico: il caro bollette.

Infatti i costi di acqua, luce e gas sono aumentati anche del 40%, e questo porta una ricaduta anche per le attività commerciali, che dovranno alzare i prezzi.

L’aumento delle bollette porterà ad un innalzamento dei prezzi in Piemonte: i dettagli

Il natale si avvicina a grandi passi e in Piemonte per le festività arriverà una sgradita sorpresa: il caro sui prezzi di pane e dolci.

Confartigianato Torino ha lanciato il preoccupante monito, soprattutto in vista delle festività natalizie. Infatti si stima che il costo per pane, dolci natalizi, biscotti e panettoni salirà anche del 10% per via delle bollette maggiorate post Covid.

I costi maggiori sono quelli legati all’energia elettrica e del carburante, che fa crescere il prezzo dei trasporti delle materie prime.

Questo potrebbe portare a conseguenze gravi: in Italia l’indotto per la pasticceria nel periodo natalizio è stimato in 530 milioni di euro.

Questo porta sia a un rischio di un consumo limitato per via dei costi rialzati o una frenata del comparto lavorativo post covid.

Le materie prime essenziali della pasticceria e della panificazione, latte, farina, uova e burro hanno subito rialzi nel prezzo dal 5 al 20%.

I panettoni, simboli natalizi rischiano impennate fino al 10%, mettendo a rischio 12 mila lavoratori piemontesi.

Le associazioni di riferimento chiedono aiuto al Governo per evitare una situazione complicata.

663

Related Articles

663
Back to top button
Close
Close