AnimaliArticoli HP

Salvati cuccioli di cinghiale a Torino: giravano nel parco San Vito

3111
Tempo di lettura: < 1 minuto

Sono stati recuperati dei cuccioli di cinghiale a Torino.

I due piccoli esemplari sono stati ritrovati dalla Polizia Municipale, all’interno del Parco San Vito. I due cinghiali giravano ormai da diverse settimane ed erano diventati una sorta di attrazione per coloro che frequentano abitualmente l’area verde della collina.

Dopo le numerose segnalazioni, le foto e i video che circolavano in rete, i vigili hanno deciso di intervenire. Una scelta dettata dalla necessità di salvaguardare la salute degli animali e per evitare che il girovagare potesse causare danni o generare conseguenze spiacevoli.

I cuccioli di cinghiale a Torino giravano incustoditi

I cuccioli di cinghiale scorrazzavano nelle aree verdi della collina di Torino in seguito all’abbattimento della madre. L’esemplare femmina dovrebbe essere stato ucciso, con molta probabilità, per mano dei cacciatori.

Dopo averli portati in salvo, i vigili hanno condotto gli animali presso un centro specializzato convenzionato con la Città metropolitana di Torino. Qui saranno sottoposti alla sterilizzazione e allo svezzamento. Solo in seguito saranno destinati a un centro faunistico scelto dal Comune di Torino. Presso questo centro troveranno accoglienza e assistenza per il loro processo di crescita.

In questi casi, non è possibile inserire nuovamente nell’ambiente di ritrovamento gli animali, per ovvie ragioni di sopravvivenza, ma non solo. I cinghiali, così come i lupi, rappresentano un pericolo per l’incolumità dei cittadini e per la conservazione dei raccolti e delle abitazioni.

Insomma, la loro protezione in specifiche aree è la soluzione migliore per tutti. Attualmente si pensa con molta più frequenza di adottare iniziative come gli abbattimenti mirati, che hanno raccolto risultati giudicati positivamente in paesi come la Francia. L’idea, però, è quella di abbattere il minor numero di animali, per rispetto di questi ultimi e per non scontentare le numerose associazioni animaliste che si attivano per queste cause.

3111

Related Articles

3111
Back to top button
Close
Close