Articoli HPTerritorio

Il comune di Torino deciderà in due settimane per l’ex Cinema Arlecchino

1664
Tempo di lettura: < 1 minuto

La vicenda dei residenti che hanno bloccato la conversione dell’ex cinema Arlecchino a Torino avrà un responso in due settimane.

Il consiglio comunale si esprimerà entro due settimane per la sospensione del progetto della costruzione di un discount del gruppo PAM con insegna IN’s.

I commercianti e i residenti hanno chiesto a gran voce che il progetto del supermercato fosse fermato perché non di rilevante valore per la zona.

Le rimostranze hanno portato la giunta comunale a bloccare i lavori, tuttavia la società che ha acquisito la struttura ha chiesto al TAR di imporre al comune una scelta definitiva.

Il tribunale si esporrà in data 3 aprile 2021, salvo una decisione della giunta comunale prima di quel giorno.

Il comune si esprimerà entro il 3 aprile sull’ex cinema Arlecchino a Torino

La proprietà del palazzo, la GEP SRL, ha richiesto l’intervento al TAR in merita al blocco imposto dal comune per la costruzione del discount.

I residenti e i commercianti hanno chiesto di bloccare la costruzione del supermercato perché non ritenuto di rilevanza culturale per l’area e perché potrebbe minare l’economia del quartiere.

La proprietà del discount ha garantito a più riprese che dei tremila metri quadri della struttura solo 500 sarebbero stati dedicati alla vendita dei prodotti.

Inoltre i prodotti in vendita non minerebbero il mercato locale, essendo un mercato di prodotto per lo più confezionati.

Il resto del progetto era suddiviso in una area polivalente aperta 200 giorni l’anno e messa a disposizione della popolazione, oltre a lavori di rifacimento del manto stradale.

La novità è che durante la commissione urbanistica l’atto urbanistica l’atto è stato liberato l’aula.

La giunta comunale parrebbe essere intenzionata a bloccare il progetto, non ritenendola utile alla vita del quartiere. Per questo la giunta è chiamata a una delibera di diniego per l’opera.

Il TAR ha imposto al comune di esprimersi non oltre il 3 aprile 2021 e le due date possibili per le sedute comunali sono il 22 marzo o il 29 marzo.

In queste due date la giunta esprimerà la sua valutazione finale sul blocco definitivo del progetto.

1664

Related Articles

1664
Back to top button
Close
Close