Articoli HPSanità

Sì alla riapertura per asili e scuole materne di Torino: frequenza a rotazione

3102
Tempo di lettura: 2 minuti

Potranno tornare a lezione piccoli gruppi di bambini dove ci saranno alunni con disabilità o bisogni educativi speciali

Un numero minimo di bambini che potranno tornare a rotazione, questo il nuovo sistema per la riapertura degli asili e delle scuole materne di Torino.

A partire da oggi, chi frequenta le classi dove ci sono altri bimbi con disabilità o bisogni educativi speciali avrà la possibilità di tornare in presenza.

Il programma prende il nome di “Piccoli Gruppi Inclusivi” e prevede appunto la formazione di piccoli gruppi da 7 iscritti appartenenti alla stessa sezione.

L’obiettivo è quello di garantire un limitato rientro a scuola, attraverso un sistema a rotazione che assicuri a tutti i bambini la possibilità di frequenza.

Di conseguenza, saranno ridotti anche gli orari: l’ingresso di fatto sarà alle 8:30, per poi concludere dopo 5 ore di lezioni alle 13:30, pranzo garantito.

Il tutto ovviamente sarà valido fino ad Aprile, quando il governo dovrà riferire le nuove disposizioni una volta finita la terza ondata, si spera dopo Pasqua.

Sì alla riapertura per asili e scuole materne di Torino frequenza a rotazione
Sì alla riapertura per asili e scuole materne di Torino frequenza a rotazione

Ma perché la riapertura sarà ad appannaggio solo degli asili e delle scuole materne?

La scelta del Comune di Torino è andata ad ampliare quello che era il ristrettissimo permesso di lezioni in presenza, solo per bambini e bambine con problemi di disabilità, previso dall’ultimo Dpcm.

Partendo quindi da un sondaggio alle famiglie di questi ultimi, chiedendo se fossero disposte ad ammettere la presenza di altri alunni, le risposte sono state largamente positive.

La città ha poi iniziato a organizzare il sistema di turnazione, raccogliendo al contempo l’adesione di 20 nidi e 55 scuole materne della zona di Torino, con circa mille piccoli con disabilità che ogni giorno saranno coinvolti.

Ovviamente, tutti quelli che non parteciperanno al programma di rotazione saranno esenti dai pagamenti, mentre che per chi frequenterà sarà necessario versare le cifre solo per i giorni di lezione.

Per gli asili nido, la tariffa diventerà quella del tempo breve, anche per quei bambini iscritti al tempo lungo.

Come sarà possibile questa riapertura?

Tecnicamente non si parla di una vera e propria riapertura, ma piuttosto di un ingresso limitato per gli asili e le scuole materne dell’area metropolitana di Torino.

Come sappiamo il decreto ministeriale del 2 marzo ha di fatto chiuso tutte le scuole delle zone rosse, ma non senza qualche clausola.

Lo stesso documento infatti consente la possibilità di svolgere attività in presenza per mantenere una relazione educativa che possa integrare gli alunni con disabilità o bisogni educativi particolari nel sistema scolastico.

A questo si aggiunge inoltre una nota del Ministero dell’Istruzione che ammette l’apertura delle porte anche per altri iscritti, con le stesse modalità.

Un passo in avanti quindi per il sistema educativo della Città di Torino e al contempo del Piemonte.

Che non solo garantirà lezioni in presenza, anche se contingentate, ma allo stesso modo proseguirà regolarmente con il piano di educazion4e a distanza per tutte le scuole di ogni grado e ordine.

3102

Related Articles

3102
Back to top button
Close
Close