Articoli HPTerritorio

Stop all’inquinamento in Piemonte

1123
Tempo di lettura: < 1 minuto

76 comuni aderiscono all’iniziativa antismog. La regione approva la delibera valida dal primo marzo, manca l’ok dei sindaci

Il Piemonte accoglie le nuove regole per lo stop all’inquinamento e all’iniziativa aderiscono 76 comuni piemontesi.

La Regione approva la delibera valida dal primo marzo e manca solo la conferma dei sindaci di tutti i comuni aderenti.

Successivamente il loro compito sarà quello di mettere in pratica, al più presto, quanto detto e approvato.

Con le nuove norme anti inquinamento i controlli vengono intensificati e cambiano i tempi delle rilevazioni.

Prima erano svolte tenendo in considerazione i dati Arpa che faceva riferimento all’inquinamento dei giorni passati.

Ora, invece, le rilevazioni vengono fatte prendendo in esame i dati in base alle previsioni attese di Pm10.

Misure antismog in 3 settori

I principali settori coinvolti in questo progetto di svolta ambientale sono: i trasporti, i riscaldamenti e l’agricoltura.

Quando si parla di trasporti si intende mezzi di trasporto di persone, di merci e veicoli commerciali. Possiamo dividere le diverse categorie:

  • EURO 1: i veicoli dotati di gpl e metano non possono circolare mai più. In nessun giorno dell’anno e a nessuna ora. Definitivamente eliminati.
  • EURO 2: lo stesso discorso vale per i veicoli euro 2. Anche questi sono giunti allo stop definitivo, in particolare mezzi diesel e benzina.
  • EURO 3 e 4: stop ai veicoli dalle ore 8.30 alle ore 18.30, dal 15 settembre al 15 aprile.
  • EURO 5: per adesso possono ancora circolare ma con la prospettiva di bloccarli dal 15 settembre 2023.

Ma se il semaforo dell’inquinamento si accende di arancione, tutti i veicoli di trasporto persone si devono assolutamente fermare. Compresi gli euro 5.

Invece se il semaforo diventa rosso, si fermano anche i veicoli commerciali. Diesel fino ad Euro 4 dalle 8.30 alle 18.30 ed Euro 5 fino alle 12.30.

Diverso è il discorso che riguarda i riscaldamenti. Le caldaie a pellets con una potenza di 35kW, hanno l’obbligo di utilizzare pellets vegetale.

Se il semaforo dell’inquinamento si accende di arancione, le caldaie a biomessa legnosa devono rimanere spente.

Importanti novità anche nell’agricoltura. Dal 15 settembre al 15 aprile di ogni anno, scatta il “divieto di abbruciamento di materiale vegetale”.

Mentre dal primo settembre rimane valido il divieto di bruciare paglie e stoppie del riso.

1123

Related Articles

1123
Back to top button
Close
Close