Articoli HPUrbanistica

Torino manutenzione portici, interviene il Comune

1029
Renault Clio Autovip
Tempo di lettura: 2 minuti

Sanzioni per i privati che non prestano attenzione

Torino manutenzione portici, si cerca una soluzione per risolvere la situazione in centro.

Cornicioni e calcinacci che crollano sono ormai all’ordine del giorno. In centro le transenne sono ben visibili ed a risentirne è come al solito l’estetica urbana.

Così il Comune cerca di elaborare una strategia per ottenere maggiore attenzione da parte dei privati che dovrebbero occuparsi di tenere in sesto i portici. Per ovviare a questa criticità, la città sarebbe disposta a sobbarcarsi i costi della prima manutenzione, così che nessuno abbia più scuse per non provvedere.

Il Comune si impegnerà a garantire ai proprietari gli strumenti economici per poterli mantenere in perfette condizioni. In questo modo però i residenti che non si impegneranno nella manutenzione  saranno sanzionati.

Negli edifici con le arcate valgono infatti le stesse regole prescritte ai condomini in qualunque altra zona. Un dettaglio spesso ignorato dai residenti anche per via dello stato critico in cui versano queste aree, tra sporcizia e scritte sui muri.

via sacchi torino
Torino manutenzione portici, interviene il Comune

Torino manutenzione portici, il progetto per il rilancio

L’obiettivo è dunque quello di ripartire da zero, fornendo ai privati gli strumenti adeguati per gestire la situazione. Resta comunque la responsabilità per gli inadempienti che verranno multati.

Il cambiamento prende piede dal progetto RispettiAmo i Portici di Torino,  promosso per rilanciare le arcate cittadine. Le aree coinvolte sono quelle di via Nizza, via Sacchi, via Po e via Cernaia. L’iniziativa, già avviata, si svolgerà in tre fasi:

  • Pulizia dei portici
  • Rilancio con iniziative legate all’arte e al commercio
  • Manutenzione delle arcate

L’operazione messa in atto da Palazzo Civico è finanziata da Iren e coordinata sul campo dalla fondazione Contrada Onlus.

Nei prossimi mesi i portici torinesi si trasformeranno in vere e proprie gallerie d’arte a cielo aperto con l’intervento di giovani artisti e la collaborazione dell’Accademia Albertina. Su via Nizza si valutano anche una serie di iniziative diurne e serali per incentivare il commercio e dare visibilità al lavoro svolto sulle arcate.

Per evitare che tutti gli sforzi siano vani, il Comune metterà a disposizione dei residenti tramite Contrada un sistema per abbattere i costi delle pulizie periodiche. Queste non verranno affidate alle ditte per singoli tratti ma con gare d’appalto su spazi più ampi in modo da includere più condomini e ridurre le spese.

Una soluzione che tutto sommato sembra andare incontro alle esigenze dei privati per restituire alla città i portici in tutto il loro splendore.

Ilaria Di Pinto

1029

Related Articles

1029
Back to top button
Close
Close