Articoli HPTerritorio

I bambini malati non saranno più soli: nuova casa per le famiglie.

437
Tempo di lettura: 2 minuti

I bambini malati non saranno più soli grazie alla nuova casa di accoglienza per le famiglie.

Un progetto, questo, già approvato nel 2019 e che doveva partire da lì a breve.

L’idea è quella di ospitare le famiglie dei bambini malati ricoverati negli ospedali della città.  In maniera del tutto gratuita.

-->

I lavori sarebbero dovuti già partire e conclusi in un paio di anni.

Purtroppo tutto si è rallentato anche a causa dell’emergenza che ha colpito il nostro Paese negli ultimi mesi.

Gi operai, infatti, avevano già iniziato a febbraio le attività di sondaggio. Ma poi si sono dovuti fermare.

Da una decina di giorni, però, hanno ripreso i lavori.

In arrivo a Torino una nuova casa di accoglienza per le famiglie dei bambini malati
In arrivo a Torino una nuova casa di accoglienza per le famiglie dei bambini malati

La nuova struttura.

La nuova struttura utile a non lasciar più soli i bambini malati, sorgerà tra via Guido Reni e via Barletta, a Mirafiori Nord.

Esattamente sorgerà sul terreno della vecchia zona Bitux, dove un tempo c’era la fabbrica costruita negli anni Venti e poi demolita.

L’attuale proprietà del terreno, l’immobiliare Bogino 23, si è molto impegnata per l’attivazione e la realizzazione del progetto.

L’edificio avrà una forma architettonica curvilinea e sarà di otto piani su via Guido Reni e altri sei piani su via Barletta.

Ma le buone notizie non finiscono qui. Il Comune di Torino ha dato in cessione gratuita un’area di 5mila metri quadri.

Questo terreno verrà utilizzato per la realizzazione di un giardino pubblico.

bimbo malato
I bambini malati non saranno più soli: nuova casa per le famiglie.

L’edificio con ambienti luminosi, il giardino con aree verdi saranno necessarie per creare un’ambiente confortevole per le famiglie che affrontano un problema così grande come i bimbi malati.

La realizzazione di case per l’accoglienza non è una novità. Opera da anni sul territorio, infatti, la CasaOz.

Un’associazione nata nel 2005 da un gruppo di persone di Torino che hanno scelto di mettersi a disposizione delle famiglie in cui vi sia un bambino malato.

Ottima notizia anche per il quartiere

Sicuramente l’idea che i bambini malati non saranno più soli rende tutti felici.

Ma ancor di più se si considera che il nuovo progetto va a sostituire un precedentemente piano che andava in tutt’altra direzione.

Infatti tale vecchio piano prevedeva la nascita di un grande palazzo residenziali di ben undici piani. Più due piani di autorimesse.

Per fortuna, successivamente, si è deciso di cambiare e creare qualcosa di importante per i parenti dei bimbi malati.

437

Related Articles

437
Back to top button
Close
Close