Home Articoli HP A Venaria Reale riapre la Sacrestia della Cappella di Sant’Uberto

A Venaria Reale riapre la Sacrestia della Cappella di Sant’Uberto

Sant'Uberto Venaria
A Venaria Reale riapre la Sacrestia della Cappella di Sant'Uberto
Tempo di lettura: 1 minuto

A Venaria Reale riapre la Sacrestia della Cappella di Sant’Uberto: i festeggiamenti per il Santo Patrono della Caccia

A Venaria Reale riapre ufficialmente la Sacrestia della Cappella di Sant’Uberto, con un nuovo allestimento che esalta la sacralità del luogo. Quale occasione migliore se non i festeggiamenti per il Santo patrono della città?

La nascita della Reggia e di Venaria si deve alla pratica della caccia che si svolgeva in quel territorio fin dal XVII secolo. Sant’Uberto, protettore dei cacciatori, è diventato il simbolo della Città e da sempre, ogni anno, viene celebrato rievocando gli antichi riti della caccia.

Proprio ieri, domenica 3 novembre, si è celebrata a Venaria la Messa dedicata al Santo nella maestosa Cappella della Reggia.

adv
Loading...

Una cerimonia originale con la presenza dei cani da caccia e i suggestivi accompagnamenti musicali legati alla storia della Residenza di caccia.

Corni da caccia, trombe e timpani della Reale Scuderia hanno riecheggiato tra le mura della Chiesa barocca, capolavoro di Filippo Juvarra.

Sant'Uberto Venaria
A Venaria Reale riapre la Sacrestia della Cappella di Sant’Uberto

Il rito religioso si è aperto con il suono degli Equipaggi, ensemble musicali, che ogni anno ripropongono il suono del corno un tempo utilizzato per segnalare le varie fasi della caccia a cavallo con cani da seguita.

Grazie ad una convenzione stipulata tra il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude e Parroco della Natività di Maria Vergine di Venaria, la Cappella di Sant’Uberto continuerà ad accogliere fedeli e visitatori.

Correlato:  Musei, dal 31 marzo torna lo spettacolo della Fontana del Cervo alla Reggia di Venaria

Ogni prima domenica del mese, infatti, si celebrerà la Santa Messa nella celebre Cappella di Juvarra. Un avvenimento accaduto solo a metà Settecento e per un breve periodo!