Home Articoli HP Arriva a Torino il Dizionario Zanichelli gigante: salverà le parole dimenticate

Arriva a Torino il Dizionario Zanichelli gigante: salverà le parole dimenticate

Arriva a Torino il Dizionario Zanichelli gigante: salverà le parole dimenticate
Tempo di lettura: 2 minuti

Arriva a Torino il Dizionario Zanichelli gigante: salverà le parole della lingua italiana che rischiano di essere dimenticate

È stato installato a Torino il Dizionario Zanichelli gigante, una novità culturale tutta da scoprire.

Una iniziativa, chiamata AreaZ, che che sarà proposta in un tour che interesserà diverse città italiane, diffusa con l’hashtag #Paroledasalvare. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini sull’uso di vocaboli che rischiano di andare dimenticati.

La globalizzazione, l’introduzione di nuovi prodotti e la sempre crescente influenza dei media (dalla tv, ai cellulari, passando per i computer) stanno introducendo sempre più lemmi appartenenti a lingue straniere. In questo modo, a essere sostituite sono le parole italiane, con i sinonimi meno in voga che vengono così accantonati per comodità.

adv
Loading...

Funzionamento del dizionario

Nell’AreaZ di ogni città sarà installato un monitor su una struttura che riproduce un tomo, con le dovute proporzioni. Sullo schermo saranno visibili, a rotazione, 5 dei 3126 lemmi che Zanichelli segnala come parole a rischio.

Coloro che passano e prendono parte all’iniziativa possono selezionare la parola che intendono salvare. Dopodiché, il termine scelto sarà postato sui propri canali Facebook e Instagram, allegando il suo significato. Un metodo per diffondere i significati e farli conoscere. Altrimenti, di potranno inviare e spedire cartoline, senza passare dai social.

Il grande dizionario di Zanichelli è visibile a Torino in via Garibaldi, nel tratto pedonale che collega corso Palestro e piazza Statuto. È disponibile da domenica 29 settembre fino a venerdì 4 ottobre, dalle ore 10:00 alle ore 19:00.

Correlato:  Consiglio Superiore di Sanità, 2 scienziate su 3 sono torinesi: complimenti a Paola Di Giulio e Silvia Giordano