Storia

La Sacra Sindone in piazza San Carlo

1884
Tempo di lettura: < 1 minuto

Sembrerà strano ma la Sacra Sindone è legata a piazza San Carlo da diversi elementi e fatti storici.

È il “salotto di Torino”, una cornice perfetta che è coronata dalle chiese gemelle, anche se non per data, di San Carlo Borromeo e Santa Cristina.

Questo capolavoro architettonico, ad opera di Carlo di Castellamonte nel XVII secolo, contenente il  Caval ëd Brons, monumento equestre che raffigura  Emanuele Filiberto, nasconde una delle iconografie sindoniche più particolari.

All’angolo di Piazza San Carlo con via Santa Teresa resistono infatti due piccoli affreschi, circondati da una discreta cornice in intonaco che si camuffa con i fregi delle facciate. Questi dipinti murari raffigurano la Sacra Sindone contemplata dalla Vergine e due frati, presumibilmente francescani a giudicare dal saio.

I fregi in questione erano inizialmente quattro, uno per ogni angolo della piazza, ma due di questi vennero distrutti durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Perchè proprio in Piazza San Carlo

Non è un caso che proprio la Sacra Sindone sia raffigurata in piazza San Carlo Borromeo.

Il santo Arcivescovo di Milano ebbe per la Sindone una particolare devozione. Tanto che Emanuele Filiberto fece portare il Sacro Lino a Torino il 9 ottobre 1578 per abbreviare il pellegrinaggio che, a piedi, Carlo Borromeo avrebbe dovuto condurlo a Chambéry per venerarlo.

La stessa piazza incrociò storicamente i suoi destini con la Sindone un’altra volta. Qui si instaurarono truppe durante l’assedio del 1706 e vi si rifugiarono abitanti delle zone più colpite dai bombardamenti francesi. Per costoro, ogni giorno, il beato Sebastiano Valfrè, altro grande veneratore del Lino, celebrava la messa in mezzo alla piazza.

Anche in tempi recenti lo strano accostamento Santa Sindone – piazza San Carlo si è ripetuto. Sempre qui, in occasione dell’Ostensione della Sindone, la mattina del 2 maggio 2010 il Papa Benedetto XVI ha incontrato la cittadinanza di Torino ed ha celebrato la messa. Lo stesso pomeriggio, il Pontefice, dopo l’incontro con i giovani piemontesi, si è recato al duomo di Torino. Per venerare la Santa Sindone, e successivamente alla Piccola Casa della Divina Provvidenza.

Michele Albera

Aggiornato al 09 ottobre2020

1884

Related Articles

1884
Back to top button
Close
Close