Cronaca di Torino

Il tetto del Palazzo a Vela sfruttato come pista da sci

328
Tempo di lettura: < 1 minuto

Se è vero che due indizi fanno una prova, allora qualcuno ha confuso il tetto del palazzo a Vela con una pista da sci

Percorrendo , infatti, via Ventimiglia e girando lo sguardo verso il palazzo disegnato da Nervi, lungo una delle due pareti a forma di Vela – da cui deriva appunto il nome – sono visibili strane tracce lasciate sulla neve.

O meglio, strane solo perchè stiamo parlando dell’estremità di una dei simboli della nostra città, visto che i segni paralleli presenti sul manto nevoso sono inconfondibili e decisamente eloquenti.

 

Il tetto del Palazzo a Vela sfruttato come pista da sci

Nella giornata di ieri un provetto Alberto Tomba nostrano è salito per una decina di metri lungo la parete innevata del Palazzo, per poi fermarsi, infilarsi gli sci e compiere un paio di curve – a dir dalle tracce anche in bello stile – per scendere.

Per evitare che simili episodi si ripetano sugli altri monumenti della città, ricordiamo che noi torinesi non siamo dei profeti dell’Islam e che quindi per noi non vale il vecchio adagio per cui se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto.

 

La Redazione di Mole 24

Tag
328

Related Articles

328
Back to top button
Close
Close