Home Articoli HP FCA, a Torino avviati i lavori per la produzione della 500 elettrica:...

FCA, a Torino avviati i lavori per la produzione della 500 elettrica: per Elkann la città sarà “Capitale dell’Auto”

SHARE
FCA, a Torino avviati i lavori per la produzione della 500 elettrica: per Elkann la città sarà
FCA, a Torino avviati i lavori per la produzione della 500 elettrica: per Elkann la città sarà "Capitale dell'Auto"
Tempo di lettura: 1 minuto

FCA, a Torino avviati i lavori per la produzione della Fiat 500 elettrica: per Elkann, il capoluogo piemontese sarà ancora “Capitale dell’Auto”

FCA, a Torino, ha posto le basi per il progetto della 500 elettrica.
La vettura di casa Fiat sarà riproposta nella moderna versione a zero emissioni, come già avviene negli Stati Uniti da sette anni. La 500e è sbarcata da tempo in California, ottenendo sin da subito grandi risultati e venendo premiata per la sua motorizzazione. Una serie di grandi successi che hanno spinto il gruppo a portare questo modello anche in Europa, vista la necessità di inserirsi nel mercato dei veicoli a zero emissioni.
In questo senso, i lavori per la realizzazione delle auto nel capoluogo piemontese sono stati avviati. John Elkann ha infatti annunciato all’assemblea dell’Amma che le operazioni per dare il via alla produzione saranno presto ultimate e che Mirafiori, a breve, tornerà a produrre un consistente numero di auto. Pertanto, sempre secondo Elkann, Torino tornerà a essere “Capitale dell’Auto“.
Come riferito recentemente da ClubAlfa.it, però, il volume di produzione sarà ridimensionato. La mancanza di una adeguata rete di fornitori per la produzione su larga scala di questa auto farà sì che, almeno per i primi tempi, non ci sarà una grande diffusione della 500 elettrica, a causa della produzione limitata.
Occorrerà attendere, nel medio termine, la dotazione di un maggior numero di fornitori a livello locale e nazionale per l’assemblaggio di questa vettura destinata a diventare il cuore pulsante delle attività torinesi. Si inizierà a partire dai primi mesi del 2020: l’attesa durerà ancora qualche mese, poi si saprà di più sulle potenzialità di questo ambizioso progetto.


Commenti

Correlato:  Tempo libero, Torino è 22esima tra le città italiane in classifica: Milano è quinta
SHARE