Innovazione

Torino: posata la prima pietra della Città dell’Aerospazio

Tempo di lettura: 2 minuti

Torino si prepara a fare un nuovo balzo in avanti nel settore aerospaziale: oggi è stata infatti posata la prima pietra della Città dell’Aerospazio. Si tratta del primo passo verso la realizzazione di un progetto ambizioso, che ha l’obiettivo di trasformare il capoluogo sabaudo in un punto di riferimento nell’industria aerospaziale.

Posata la prima pietra per la Città dell’Aerospazio di Torino

La Città dell’Aerospazio avrà sede in corso Marche, su un’area di proprietà di Leonardo che, attualmente, è in disuso. Il progetto fa parte di un importante opera di riqualificazione urbana ed industriale, che punta a creare un hub dedicato interamente all’aeronautica e allo spazio. L’area in cui si realizzerà il progetto, infatti, sarà ridisegnata secondo criteri di smart design, riduzione delle emissioni e indipendenza energetica degli edifici.

Il primo ad essere ristrutturato sarà l’Edificio 37, che si trova sul fronte di corso Marche. Qui, infatti, sorgeranno presto nuovi laboratori che accelereranno il trasferimento tecnologico e le attività di ricerca e sviluppo del Politecnico, oltre che di diverse imprese del settore. Inoltre, sarà realizzato un nuovo fabbricato per la didattica e i servizi di circa 3.500 metri quadri.
Subito dopo partiranno i lavori per la Casa delle Imprese, che si troverà nell’Edificio 27. Il terzo intervento, invece, sarà quello dello Space Centerad Altec. Negli spazi tra corso Marche e corso Francia, invece, si lavorerà per creare un parco, un’area commerciale, residenze e aree sportive.

La realizzazione della Città richiederà, nei prossimi anni, un investimento di 380 milioni di euro in ricerca e sviluppo. Se i lavori dovessero procedere come preventivato, si prevede che il centro sarà pienamente operativo già entro il 2028.

Una filiera di eccellenza

Il settore aerospaziale in Piemonte è già un punto di forza, con oltre 35.000 addetti e un fatturato di circa 8 miliardi di euro all’anno. Con la Città dell’Aerospazio, Torino vuole consolidare la presenza sul territorio di questa filiera di eccellenza, promuovendo anche la collaborazione tra grandi aziende, piccole e medie imprese, istituti di ricerca e università. Il centro, inoltre, si propone già di diventare un vero e proprio punto di riferimento per il futuro dell’industria aerospaziale italiana.

Alla realizzazione del progetto parteciperanno importanti attori del settore, tra cui Leonardo, Thales Alenia Space, Avio Aero e Altec. Le aziende, infatti, contribuiranno alla creazione di laboratori congiunti e ambienti di prova per lo sviluppo di tecnologie innovative. Inoltre, l’hub accoglierà anche start-up, università e centri di ricerca specializzati.

In particolare, presso il nuovo hub ci si occuperà principalmente di quattro diverse branche del settore:

  • Architetture e propulsione elettrica ibrida in campo aeronautico;
  • Sviluppo di sistemi aerei autonomi;
  • Monitoraggio e gestione del carico di lavoro psico-fisico del pilota;
  • Sistemi di prognostica e manutenzione predittiva.

La creazione della cittadella, inoltre, avrà un impatto significativo anche sull’economia locale. Si prevede infatti che il progetto genererà nuove opportunità di lavoro per circa 4.100 addetti del settore.

Asja D’Arcangelo

Related Articles

Back to top button
Close