Cronaca di Torino

Il Comune di Torino non rinnova 250 contratti: i dipendenti si preparano allo sciopero

Tempo di lettura: < 1 minuto

250 dipendenti del Comune di Torino si stanno preparando a un possibile sciopero: dopo 36 mesi di lavoro svolto a Palazzo Civico, saranno presto lasciati a casa.

La Città, infatti, non sembra essere interessata ad assumerli a tempo indeterminato, l’unica cosa potrebbe salvarli dalla perdita del lavoro. Infatti, secondo la normativa attuale non si possono superare i tre anni complessivi a tempo determinato con il medesimo datore di lavoro.

La Città lascerà presto a casa 250 dipendenti in somministrazione

A fianco di NIdiL – CGIL, UILTemp – UIL, FeLSA – CISL, i dipendenti hanno già avviato un confronto con il Comune per cercare di risolvere il problema. Il dialogo con la Città, però, per ora non è servito a migliorare la condizione di questi 250 lavoratori.

Inoltre, la recente mossa del Comune nell’emettere un bando di concorso per la somministrazione dei servizi, al posto di assumere a tempo indeterminato i dipendenti, ha ulteriormente aumentato le loro preoccupazioni. Sarà infatti molto difficile che a vincerlo sia la stessa agenzia per il lavoro a cui sono legati attualmente. Se il Comune intenderà comunque procedere in questa direzione, i dipendenti potranno, alla scadenza dei 36 mesi, essere assorbiti dall’agenzia che si aggiudicherà il concorso. Questo, però, non cambierà la loro situazione di impiegati a tempo determinato, cosa che li lascerà comunque senza certezze.

I 250 dipendenti del Comune di Torino si preparano allo sciopero

I dipendenti, uomini e donne impiegati al Comune in tutti i settori, dagli uffici del suolo pubblico e quelli dell’ambiente e dello sport, si sono già dichiarati pronti allo sciopero. Infatti, si stanno preparando a incrociare le braccia e a far sentire la loro voce per denunciare il comportamento del Comune, che non sembra interessato a garantire la stabilità di persone che, per 36 mesi, hanno lavorato per la Città.

Asja D’Arcangelo

Related Articles

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker