Eventi

Il 29 luglio, 5 e 12 agosto 2023 il Museo Egizio è gratis. (Scopri come prenotare)

Tempo di lettura: < 1 minuto

L’estate è finalmente arrivata e non manca l’opportunità di immergersi nella storia millenaria dell’antico Egitto. Il Museo Egizio di Torino, offre l’occasione di visitare gratuitamente le sue straordinarie collezioni. 3 sabato sera, fino al 12 agosto , grazie all’iniziativa “Speciale Estate con Francorosso“. Questa iniziativa, promossa da Alpitour World come parte del suo nuovo piano di responsabilità sociale, mira a sostenere la cultura e il territorio. E così offre al pubblico l’opportunità di scoprire il fascino dell’antica civiltà egizia a costo zero

Entrata gratuita: come prenotare

Per accedere al museo gratuitamente, è necessario farsi riservare un biglietto online attraverso il sito ufficiale del Museo Egizio. Infatti, è’ sufficiente visitare il sito web dedicato all’iniziativa “Speciale Estate con Francorosso” e seguire le istruzioni indicate. La prenotazione online è obbligatoria e garantisce l’accesso al museo senza alcuna spesa. Inoltre è possibile selezionare l’orario di visita preferito per assicurarsi un posto.

Il nuovo archivio storico fotografico

Inoltre il Museo Egizio offre, anche, un’interessante novità per i visitatori. Nella sala 4 al secondo piano è stata collocata da poco una postazione multimediale. Quest’ultima, consente di accedere a una esclusiva parte dell’Archivio Storico Fotografico. Una raccolta – frutto uno di studio e catalogazione durato tre anni- custodisce oltre 45.000 documenti, tra cui 1.500 fotografie scattate all’inizio del Novecento. Grazie al fondatore delle “Missioni Archeologiche Italiane“, Ernesto Schiaparelli, la fotografia divenne da subito uno strumento per documentare in Africa.

Una testimonianza preziosa delle 14 spedizioni, in diverse località egiziane, compiute tra il 1903 e il 1937. Queste immagini digitalizzate, rappresentano un viaggio nel tempo: permettono di rivivere i momenti esatti in cui sono state effettuate le principali scoperte archeologiche.

Oltre a poter ammirare le fotografie sullo schermo, è possibile scaricare gratuitamente le immagini preferite sul proprio smartphone. Diventano, così, delle vere e proprie cartoline souvenir.

Tag

Related Articles

Back to top button
Close