Cronaca di Torino

Bloomberg Associates per la rigenerazione urbana di Torino

1142
Tempo di lettura: 2 minuti

Cirio e Lo Russo, in visita a New York, puntano a far diventare la Bloomberg Associates uno degli “sponsor” della rigenerazione urbana di Torino.

Lo Russo e Cirio incontrano i rappresentanti della Bloomberg per parlare di Torino

L’Associazione Bloomberg si occupa di favorire la trasformazione dei panorami urbani guardando sempre alla sostenibilità. L’Associazione, a New York, si è già occupata di molti progetti, come quello di riqualificare la vecchia linea ferroviaria sopraelevata, trasformandola in una passeggiata. La direttrice Amanda Burden è una delle più autorevoli personalità nel campo della rigenerazione urbana. Nel suo portfolio ci sono le trasformazioni che, in circa 10 anni, hanno coinvolto circa metà dei quartieri di New York.

È per questo motivo che il sindaco di Torino Lo Russo e il presidente della Regione Piemonte Cirio hanno deciso di coinvolgerla nei progetti di rigenerazione che ormai da anni stanno coinvolgendo la città sabauda. L’Associazione Bloomberg, infatti, occupandosi di finanziare progetti urbani sostenibili in tutto il mondo, potrebbe considerare di sponsorizzare il nuovo piano regolatore di Torino. Non solo: il sindaco e il presidente, infatti, hanno deciso di chiedere appoggio anche per quanto riguarda la vivibilità degli spazi urbani e per il city brand della città.

Il primo incontro con l’amministratore delegato dell’Associazione George Fertitta e con la direttrice Burden è avvenuto ieri. Per valutare meglio la possibilità di una futura collaborazione, già la prima settimana di settembre la Burden verrà a visitare Torino.

New York: tanti progetti per legare la città a Torino

La parola chiave è sostenibilità anche durante l’incontro con la società newyorkese d’infrastrutture digitali per la mobilità pubblica Via Transportation. La società opera per ottimizzare gli spostamenti dei cittadini, facendo in modo che non ci siano mai bus vuoti.

Lo Russo e Cirio hanno poi incontrato anche Richard Armstrong, il direttore del Guggenheim. L’obiettivo dei rappresentanti piemontesi è quella di ottenere la collaborazione del MoMa per alcuni progetti. In particolare, l’idea sarebbe quella di riportare in Italia, temporaneamente, alcune opere originarie del nostro paese.

Tra gli obiettivi di Lo Russo e Cirio ci sono due dipinti: “Funerali dell’anarchico Galli” e “La città di sale“. Le opere, rispettivamente di Carrà e Boccioni, saranno portare a Torino in pompa magna per essere esposte. In questo modo, si creerà un grande evento in città a cui tutti gli amanti dell’arte potranno partecipare. Il sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi, avrebbe già dato l’approvazione al progetto: ora, bisogna solo aspettare l’ok del MoMa.

La visita dei due rappresentanti a New York si concluderà con l’incontro con il sindaco Eric Adams, che verrà invitato ufficialmente a Torino e in Piemonte. Infine, i due si recheranno al Gei, il Gruppo Esponenti Italiani, dove si terrà un incontro con imprenditori e professionisti.

Asja D’Arcangelo

1142

Related Articles

1142
Back to top button
Close
Close