Urbanistica

Torino: l’ex stazione di Porta Susa ospiterà un hotel in stile liberty

5975
Tempo di lettura: 2 minuti

A Torino, le attività per il restauro di Porta Susa finora hanno riguardato principalmente la facciata storica ma, da febbraio, si inizierà a lavorare sul nuovo hotel.

L’ex biglietteria della stazione, infatti, diventerà la hall della nuova struttura di accoglienza.

La costruzione dell’hotel Marriot, che sorgerà all’interno della stazione storica di Porta Susa, sarà importante per il futuro della zona di XIII Dicembre.

Arriva un nuovo hotel a Porta Susa: ecco i dettagli

Del restauro e la trasformazione in hotel dell’ex stazione di Porta Susa di Torino si occuperanno lo Studio Vairano e lo Studio Lombardini 22.

La hall dell’albergo, che si troverà nell’ex biglietteria della stazione, sarà interamente in stile Liberty. Si è deciso di utilizzare questo stile per celebrare il momento di maggiore importanza e splendore dell’edificio.

Alcuni elementi manterranno il vecchio stile della struttura, come le altezze attuali. Saranno però eliminate del tutto le aggiunte degli anni 50 e 60.

Lo scopo dell’hotel di Porta Susa sarà quello di accogliere i viaggiatori in arrivo a Torino: per questo si è voluta ricreare l’atmosfera dell’Orient Express. Per decorare l’edificio, infatti, gli studi faranno grande uso di ottoni e lampadari.

L’obiettivo è quello di chiudere l’iter autorizzativo entro fine gennaio, in modo da poter iniziare subito i lavori sugli interni. Oltre alla Hall, infatti, si lavorerà anche alla realizzazione di un ristorante e delle sale riunioni.

Gli esterni del nuovo albergo a Porta Susa

Allo stesso tempo, si inizierà a lavorare anche sulla facciata secondaria della stazione, quella che si affaccia su corso Inghilterra. La sfida principale sarà quella di valorizzare anche questo lato di Porta Susa. La facciata, infatti, non ha mai potuto esprimere al massimo le sue potenzialità, dal momento che, quando qui passavano ancora i treni, era messa in secondo piano.

Dal lato di corso Inghilterra, sia i binari che le pensiline hanno già lasciato spazio ad un area verde. Il giardino sarà in parte pubblico, ma una grande area sarà si proprietà dell’albergo.

I due edifici laterali, che ospitavano le case dei ferrovieri, sono già stati abbattuti. Da un lato della stazione si realizzerà una piazzetta pubblica che collegherà l’albergo alla nuova stazione di Porta Susa. Dall’altro lato, invece, si costruirà l’hotel.

Per quanto riguarda l’inizio dei lavori, non si hanno ancora notizie certe. La loro gestione è stata affidata al gruppo Marriot da Vastint, che ha commissionato l’intera operazione. Ad occuparsi del progetto sarà lo Studio Lombardini 22.

Il progetto per la costruzione dell’edificio prevede la realizzazione di ben 7 piani, per un totale di 200 stanze. Queste saranno dei prefabbricati che dovranno semplicemente essere assemblati in loco. Una volta che i cantieri saranno partiti, ci vorranno dagli otto ai dieci mesi per completare i lavori.

Asja D’Arcangelo

5975

Related Articles

5975
Back to top button
Close
Close