Cronaca di Torino

Torino: il 5 gennaio partono i saldi invernali 2023!

1694
Tempo di lettura: 2 minuti

Anche a Torino si aspetta l’inizio dei saldi invernali 2023, che partiranno il 5 gennaio per proseguire fino al 2 marzo.

Saldi invernali 2023: cosa aspettarsi

Anche quest’anno, nonostante il peso dell’inflazione e l’incertezza sulla situazione economica del paese, è arrivato il periodo dei saldi invernali.

Dopo gli ultimi due anni di profondi cambiamenti dovuti soprattutto alla pandemia, i torinesi potrebbero decidere di lasciarsi prendere di nuovo dalla magia dei saldi. È quello che pensa la presidente Ascom Confcommercio Torino e provincia, Maria Luisa Coppa. Secondo la presidente, a Torino una persona su tre è già pronta a premiare il negozio sotto casa.

Confesercenti, invece, si mostra meno ottimista. Da un’indagine dell’ufficio studi, infatti, emerge che la spesa media dei torinesi sia già in calo. Rispetto all’anno scorso, quando si spendevano circa 150/180 euro, quest’anno si è passati a spendere circa 140/160 euro per la spesa quotidiana. Inoltre, è anche aumentata la percentuale dei consumatori che sono decisi a sfruttare gli sconti. Se l’anno scorso erano il 40%, quest’anno il numero è aumentato fino al 42%.

Secondo il presidente di Confesercenti, Giancarlo Banchieri, un terzo delle tredicesime è già stato usato per affrontare solo il rincaro di gas ed elettricità. Sarebbe perciò irrealistico, secondo Banchieri, aspettarsi dei risultati importanti per quanto riguarda gli acquisti durante il periodo dei saldi. La situazione economica, infatti, sta mettendo a dura prova la vita delle famiglie e la sostenibilità economica del paese. Gli aumenti riguardano anche i beni di prima necessità, e perciò ogni spesa “superflua” viene rimandata.

Cosa acquisteranno i torinesi durante i saldi?

Probabilmente, la maggior parte delle famiglie che acquisteranno durante i saldi invernali 2023 a Torino lo faranno per risparmiare qualcosa in più.

Il 40% dei piemontesi ha già programmato di sfruttare i saldi per acquistare prodotti specialmente nel campo dell’abbigliamento. Le altre persone affermano di voler invece di voler comprare elettrodomestici o accessori per la casa. Il 40% degli intervistati ha deciso di valutare se fare acquisti dopo aver controllato le offerte presenti nei negozi.

Le persone spenderanno un budget medio di 160 euro, cifra in calo rispetto ai saldi dell’anno scorso. Nonostante ciò, il 51% dichiara che non spenderà una cifra maggiore di 100 euro.

I saldi, sebbene la concorrenza degli acquisti online sia ormai feroce, riguardano principalmente i negozi fisici. Il 32% degli intervistati sceglierà, per i suoi acquisti, i negozi del vicinato, mentre il 27% preferisce rivolgersi alle catene o ai centri commericali.

Asja D’Arcangelo

1694

Related Articles

1694
Back to top button
Close
Close