Articoli HP

Torino: cala il numero di abitanti della città

3525
Tempo di lettura: 2 minuti

Confrontando il numero degli abitanti di Torino di oggi a quello di undici anni fa, è evidente che la cifra stia continuando a calare sempre di più.

Diminuisce ancora il numero di abitanti a Torino

L’analisi, effettuata dall’Archivio anagrafico del Comune, evidenzia una perdita di oltre 4 mila abitanti all’anno dal 2011. Oggi, infatti, nella città della Mole vivono 858.972 persone, mentre undici anni fa se ne registravano circa 48 mila in più.

Nonostante un lieve aumento degli stranieri che decidono di stabilirsi a Torino, dovuto alla fine dalla situazione pandemica, l’andamento demografico sembra ormai confermato.

Tra il 2021 e oggi, sembra che il calo del numero di abitanti di Torino abbia avuto una piccola accelerata.

In quasi un anno, infatti, la diminuzione di persone residenti in città è stata di oltre 2.600 cittadini.

L’età media degli abitanti è di circa 47 anni, mentre una persona su quattro risulta avere più di 65 anni. Le donne, 447.134 in città, confermano nuovamente la loro maggioranza, contro i 411.838 uomini.

Ecco quali sono le aree più popolate di Torino

Per quanto riguarda le zone più popolate, a vincere è la Circoscrizione 2, con i suoi 132.774 abitanti. L’area, che comprende Santa Rita, Mirafiori Nord e Mirafiori Sud, ha però anche il primato dell’età media più avanzata, che qui è di 49 anni.

A seguire è la Circoscrizione 8, che raggruppa di San Salvario, Cavoretto, Borgo Po, Nizza Millefonti, Lingotto e Filadelfia, con 124.856 abitanti.

La Circoscrizione 5 si aggiudica il terzo posto, con un totale di 120.697 abitanti.

Se si guardano invece i numeri dei singoli quartieri, il più popoloso è Pozzo Strada (54.622), seguito da Barriera (50.354) e San Donato (45.338).

Il numero di abitanti diminuisce ma aumentano leggermente gli stranieri

Questa diminuzione costante del numero di abitanti di Torino, per la Città si traduce in un problema per le casse comunali. Infatti, nonostante le persone in città continuino a diminuire, gli spazi sono sempre uguali. Per mantenerli in buono stato, il Comune deve usare sempre lo stesso ammontare di risorse, nonostante le entrate siano sempre meno.

A rincuorare, perciò, sono i numeri degli stranieri, che tornano quasi ai livelli di undici anni fa (133.869 abitanti). Oggi, infatti, a Torino ci sono 133.776 persone straniere, che rappresentano il 15% della popolazione complessiva della città.

La risalita è una diretta conseguenza della fine dell’emergenza pandemica, che aveva reso gli spostamenti sia in ingresso che in uscita molto più difficili.

Tra gli immigrati, la maggior parte sono giovani, e infatti la loro età media si ferma a 36 anni. La loro distribuzione sul territorio è varia ma, principalmente, sono due i luoghi in cui si concentrano. I quartieri nei quali sono presenti in maggioranza sono infatti Barriera (18.075) e Aurora (11.736).

Torino: una città che invecchia sempre di più

Secondo l’Assessore ai Servizi Demografici, Francesco Tresso, la soluzione sarebbe quella di rendere Torino più attrattiva, soprattutto per le nuove generazioni. Questo si tradurrebbe nell’offrire più opportunità di lavoro, soprattutto ai giovani altamente qualificati che, sempre più spesso, decidono di andare all’estero per realizzarsi. Ad esempio, il 70% degli studenti del Politecnico, una volta terminati gli studi, decidono di trasferirsi.

Ad aumentare, invece, sono gli over 65, che in città sono 212.073, mentre nel 2011 erano 208.379. Il numero ha avuto un calo rispetto al 2021, anche e soprattutto in seguito ai tanti decessi dovuti alla pandemia.

I torinesi sotto i 30 anni, invece, sono poco più di un quarto della popolazione complessiva (219.369), mentre undici anni fa arrivavano a essere 234.542.

Per quanto riguarda gli under 18, invece, nel 2011 erano 131.948, mentre oggi il numero è calato a 119.260 (di cui 23.329 sono stranieri).

Asja D’Arcangelo

3525

Related Articles

3525
Back to top button
Close
Close