Sanità

Operazione cuore e fegato alle Molinette di Torino: salvata una bimba di 5 anni

2303
Tempo di lettura: < 1 minuto

La doppia operazione che è stata eseguita all’ospedale Molinette di Torino ha salato la vita ad una bambina di 5 anni cinese. Il direttore del Centro trapianti di Fegato Renato Romagnoli ha definito lo stato degli organi della bambina e delle arterie come preoccupante.

Dopo l’operazione cuore e fegato eseguita alle Molinette il papà Niko si mostra sorridente e sollevato. Il padre vive in Italia da 17 anni e fa l’estetista con la moglie Melisa. La loro bambina di 5 anni che è stata salvata dall’operazione si chiama Silvia.

La storia clinica della bambina è molto complicata. Nel giugno 2021 Silvia era affetta da un grave tumore al fegato, in quel periodo si trovava in Cina. La famiglia di tre persone era andata in Cina per festeggiare il Capodanno cinese ed, a causa della misure restrittive Covid, erano rimasti bloccati in Cina.

Una volta tornati in Italia la piccola Silvia fu presa in cura al Regina Margherita nel reparto di Oncologia pediatrica. Trascorso un anno di cure chemioterapiche che hanno avuto successo si è deciso di passare al trapianto di fegato.

L’operazione cuore-fegato è stata eseguita alle Molinette di Torino dal professor Romagnoli ed il dottore Carlo Pace Napoleone. Si è trattato di un’operazione non semplice in quanto la vena cava inferiore della piccola bimba era inutilizzabile. L’operazione cuore-fegato è durata 13 ore ed i chirurghi hanno trapiantato il fegato donato collegando la vena cava sovraepatica direttamente con l’atrio destro del cuore.

Un’operazione che collega fegato e cuore non era mai stata eseguita su un bambino così malato. Il direttore del Centro trapianti spiega che sicuramente la piccola dovrà prendere dei farmaci anti rigetto ma i trapianti eseguiti da piccoli sono quelli che hanno più successo. I bambini hanno più plasticità nei tessuti e più tolleranza verso gli organi trapiantati.

2303

Related Articles

2303
Back to top button
Close
Close