Animali

Piemonte, gli animali domestici potranno essere seppelliti con i propri padroni

2805
Tempo di lettura: < 1 minuto

In Piemonte cani, gatti e tutti gli altri animali domestici potranno essere seppelliti assieme ai propri padroni.

La Regione, infatti, è pronta a modificare le vigenti norme cimiteriali.

Le ceneri degli animali domestici potranno così essere tumulate assieme alle spoglie dei loro padroni, aggiungendo un’urna separata nel loculo o nella tomba.

Spetterà poi ai singoli Comuni approvare i regolamenti specifici per consentire questo tipo di sepoltura.

Questa iniziativa si aggiunge a un’altra già prevista in molti centri, che permetteva di seppellire i propri animali da compagnia in aree cimiteriali dedicate.

Nel 2019 anche Torino aveva individuato un’area adatta, poi la pandemia di Covid-19 aveva bloccato l’iter.

 Per avere accanto per l’eternità i propri animali domestici, basterà fare richiesta in vita oppure tramite testamento.

Anche gli eredi avranno la facoltà di decidere di voler seppellire l’animale d’affezione assieme al padrone già scomparso.

Insieme per sempre: in Piemonte gli animali domestici potranno essere seppelliti con i propri padroni

La proposta è arrivata dal consigliere regionale Daniele Poggio e si basa sul rapporto unico che si instaura tra un essere umano e l’animale di compagnia con cui si trascorre un pezzo di vita.

Questa norma metterebbe il Piemonte in pari con altre regioni come Liguria e Lombardia, in cui provvedimenti di questo tipo sono già in vigore.

Anche l’assessore con delega al benessere animale, Chiara Caucino, si è dimostrata favorevole.

Gli animali domestici, infatti, diventano veri e propri componenti della famiglia e con essi si creano rapporti non solo simbiotici, ma anche fortissimi.

Al momento, la proposta è stata presentata in Commissione consiliare.

Sarà poi inserita in un provvedimento sul benessere animale, a cui stanno lavorando sia esponenti della maggioranza che dell’opposizione.

Questo provvedimento prevede, tra le altre cose, il divieto di tenere i cani alla catena, l’introduzione dell’anagrafe felina, ovvero l’obbligo di microchip per gatti, e norme per la lotta al commercio illegale dei cuccioli.

(Foto tratta da Wamiz)

2805

Related Articles

2805
Back to top button
Close
Close