Animali

Zanzare a Torino: in aumento quelle Tigre a causa del caldo

776
Tempo di lettura: 2 minuti

Zanzare a Torino: con l’arrivo dell’estate e il gran caldo delle ultime settimane è aumentata la presenza di questi insetti in città. Soprattutto della specie Tigre. Una crescita, superiore agli anni precedenti a cui adesso Palazzo Civico sta cercando, in fretta, una soluzione.

Zanzare Comuni presenti già da marzo a Torino

Le Zanzare Comuni, così come sono chiamate dagli esperti, hanno cominciato a proliferare già con l’arrivo della primavera. Anche qui a causa dell’inverno con temperature sopra la media che ne hanno fatto schiudere prima le uova.

A differenza delle Zanzare Comuni quelle Tigri non si sentono volare, nessun ronzio, e pungono non solo la sera, ma anche in pieno giorno.

Zanzare in aumento in Piemonte e a Torino

La lotta contro la proliferazione incontrollata dei fastidiosi insetti per l’uomo, da diversi anni si svolge solo più nelle zone urbane. Nel 2015 a causa di una carenza di fondi la Regione ha dovuto smettere la propria opera nelle risaie e nelle zone di campagna.

Operazioni svolte con elicotteri , aerei ed un elevato numero di tecnici che gravano profondamente sulle casse del Piemonte. Adesso, le azioni di bonifica avvengono solo nelle zone abitate per colpire quegli insetti che possono rappresentare un pericolo sanitario per l’uomo

Quest’anno, poi, le operazioni contro la proliferazione delle zanzare è iniziata solo a giugno, mesi dopo la normale tabella di marcia per via del ritardo dello stanziamento di fondi da parte della Regione. Di conseguenza, anche a causa del caldo eccessivo dell’ultimo periodo, gli insetti sono in deciso aumento. Di positivo, però, è che i nuovi i fondi stanziati sono validi anche per il 2023 e quindi il prossimo anno la bonifica partirà in anticipo.

La città di Torino ha stanziato 80 mila euro contro gli insetti

La Regione Piemonte ha stanziato 2, 5 milioni di euro contro le zanzare per il biennio in corso, di cui quest’anno ne sono giunti al Comune di Torino 40 mila. Palazzo Civico ha così dovuto integrare altri 40 mila euro dal proprio budget.

Una cifra importante che consente il lavoro di oltre 50 tecnici sul territorio. Questi ultimi vanno alla ricerca di larve in luoghi considerati favorevole alla deposizione delle larve di zanzare: tombini, caditoie e fontane pubbliche

Non solo i tecnici si occupano anche di monitorare le specie degli insetti presenti sul territorio, sperando che non arrivino specie esotiche decisamente più pericolose per la salute dell’uomo.

Tag
776

Related Articles

776
Back to top button
Close
Close